MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025
Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024
LOMAC – header banner standard
Joker Boat header banner 2024
Yamaha – header banner dal 1 aprile al 30 giugno 2024

In Gazzetta Ufficiale il decreto per i natanti non targati all’estero

0
SCANNER newsbanner dal 7 dicembre 2022 al 6 luglio 2023
JOKER BOAT – 2° SOGGETTO
Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024
SALPA – newsbanner dal 7 febbraio 2024 al 7 febbraio 2025
SOLEMAR – newsbanner dal 5 marzo 2024 al 5 gennaio 2025

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 13 maggio il decreto legge del 2 maggio 2024 del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti recante «Approvazione del modello di dichiarazione sostitutiva di atto notorio per l’attestazione del possesso e della nazionalità italiana dei natanti da diporto che navigano in acque territoriali straniere».

L’allegato 1 di detto decreto contiene il modello conforme, approvato dall’Ordinamento italiano, appunto, in cui vengono specificati sia le caratteristiche del natante sia chi ne è il proprietario.

Il modulo «Attestazione per natanti da diporto italiani» è diviso in due parti: la prima contentente, appunto, la «Dichiarazione di costruzione o importazione» la cui compilazione tocca alla Confindustria Nautica e che si richiede attraverso il portale DCI che, immaginiamo, sarà a pagamento. La seconda parte va compilata a cura del richiedente e contiene i suoi dati personali in quanto proprietario del natante. E’ la «Dichiarazione sostitutiva di atto notorio» che va poi presentata allo Sportello dell’Automobilista (o agenzia autorizzata che ne faccia le funzioni) il quale autenticherà la dichiarazione.

Joker Boat header banner 2024
LOMAC – header banner standard
MV MARINE – newsbanner dal 27 ottobre 2023 al 27 ottobre 2024
NWC MARINE – newsbanner dal 31 ottobre 2023 al 30 ottobre 2024
MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025
GARMIN – newsbanner dal 25 marzo 2024 al 25 gennaio 2025
SUZUKI Newsbanner dal 1 aprile 2024 al 30 settembre 2024

Il modulo va presentato con una marca da bollo di 16 euro.

Vanno, inoltre, pagati 23,70 euro (al momento non si capisce a chi versare l’importo, probabilmente alla Tesoreria dello Stato, ce lo dirà lo STA probabilmente).

Ai detti costi si aggiungeranno, poi, quelli di agenzia (se vi rivolgerete presso una di loro) e del servizio reso da Confindustria Nautica.

Con questo modulo (le cui parti sono anche tradotte in inglese sulla parte destra, in verticale, sul foglio) si soddisfa (si spera!) la richiesta degli Stati nostri confinanti costieri che per lasciarci navigare nelle loro acque senza targa richiedono la dimostrazione che il natante sia registrato e appartenga a chi ne dichiara il possesso. Detta dichiarazione è un atto ufficiale della Repubblica Italiana, quindi dovrà essere accettato dall’Amministrazione dei Paesi che ne facciano richiesta.

Per quest’anno ricordiamo, comunque, che la Croazia accetta ancora i natanti alle medesime regole dello scorso anno, come pure dovrebbe fare la Grecia, mentre la Slovenia no: vuole solo imbarcazioni che dimostrino l’appartenenza a un Paese e i cui proprietari siano in grado di dimostrarne la proprietà. Con la nuova attestazione però dovrebbe essere bypassato il problema.

A questo link è possibile leggere il decreto e scaricare il modulo.

CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
Contenuto protetto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR