TOHATSU – newsbanner dal 2 marzo al 30 settembre 2020
Bwa headerbanner 2021
Joker Boat header banner 2021
LOMAC – header banner standard
Mercury Header banner dal 12 marzo 2020 al 12 marzo 2022
MARSHALL – newsbanner dal 22 febbraio 2021 al 21 febbraio 2022

Bricolage: come autocostruirsi una pedana per il carrello

0
MARSHALL – newsbanner dal 22 febbraio 2021 al 21 febbraio 2022
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2019 al 18 nov 2021
Bwa headerbanner 2021
TOHATSU – newsbanner dal 2 marzo al 30 settembre 2020
Highfield – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2021

Spesso, sedendosi davanti a uno scivolo a osservare le manovre di varo/alaggio con il carrello, abbiamo avuto modo di constatare quali doti di equilibrio hanno acquisito i gommonauti impegnati nell’impresa di agganciare con il cavetto del verricello il fatidico golfare di prua.

C’è chi riesce a farlo camminando con estrema disinvoltura sul telaio del rimorchio anche se il rischio di perdere l’equilibrio è sempre in agguato, qualcun altro entra in acqua con il rischio di scivolare sull’infido velo di alghe onnipresente in tutti gli scivoli. E’ comunque una costante che, prima o poi, qualcuno finisca più o meno rovinosamente a bagno.

Per ovviare al problema alcuni ingegnosi gommonauti hanno costruito delle pedane con i metodi e materiali più svariati, che facilitano le operazioni consentendo anche di compierle più velocemente abbassando di molto il rischio di perdere l’equilibrio.

SALPA – newsbanner dal 9 gennaio 2019 al 15 gennaio 2022
Mercury Header banner dal 12 marzo 2020 al 12 marzo 2022
Joker Boat header banner 2021
AVILA – newsbanner dal 11 febbraio 2021 al 10 febbraio 2022
YACHT SINERGY – newsbanner dal 12 febbraio al 11 agosto 2021
SHD – newsbanner dal 25 febbraio al 25 luglio 2021
GARMIN – newsbanner dal 9 marzo al 9 dicembre 2021
RAYMARINE – newsbanner dal 1 APRILE al 31 dicembre 2021
SUZUKI Newsbanner dal 8 aprile 2021 al 8 aprile 2022
LOMAC – header banner standard
Base Nautica newsbanner dal 16 aprile al 15 novembre 2021

Se non avete ancora pensato a come costruire la vostra passerella, vogliamo proporvi noi una soluzione, che soddisfi le seguenti caratteristiche funzionali: 1) Deve essere molto semplice da realizzare e installare 2) Non deve appesantire il rimorchio che spesso è già risicato nel rispettare i pesi consentiti 3) Deve essere anti-scivolamento 4) Deve essere molto robusta e garantire la sicurezza durante il trasporto su strada.

Per eseguire questa modifica abbiamo utilizzato un carrello Satellite 1500.

I problemi di montaggio riscontrati sul Satellite sono: il longherone posteriore non esiste perché è basculante e non deve interferire con la pedana per ovvi motivi, mentre il primo longherone di appoggio non è parallelo al terreno, quindi la pedana dovrà essere fissata con un sistema che la porti a bolla. La nostra soluzione permette di adattarsi facilmente a questi scompensi perché la pedana è ideata in modo da essere facilmente adattata a tutte le esigenze.

Il materiale scelto per la costruzione della pedana è il seguente: alluminio mandorlato spessore 3 mm tagliato e piegato, 4 staffe di barra filettata tagliate e piegate ad «U», dadi auto-bloccanti e rondelle. Il peso specifico dell’alluminio è 2,70 kg e la realizzazione finita della passerella che illustriamo risulta di circa 4 kg di peso, quindi molto leggera. La passerella è lunga 185 cm e larga 15 cm.

Viene ricavata da una lamiera 185 x 27 x 3 cm che viene successivamente piegata in modo da formare una sezione a «C». Dando alla lamiera questa piegatura si irrobustisce notevolmente tutta la struttura. Una volta eseguite le pieghe la larghezza della pedana risulterà larga 15 cm, che potrebbero sembrare pochi, ma all’atto pratico garantiscono un agevole movimento. Questa larghezza consente, inoltre, un montaggio senza intoppi sulla maggior parte dei carrelli in commercio. Nulla vieta, comunque, di modificare le misure da noi suggerite, a seconda delle specifiche esigenze.

Le due sponde laterali sono volutamente alte 3 cm per consentire i movimenti durante il serraggio dei dadi con la chiave, sulla zona sottostante la pedana. In tal modo il risultato estetico sarà ottimo poiché non dovremo trapassare la pedana per fissarla con antiestetici dadi che sporgendo potrebbero anche far incespicare.

Una volta preparata la passerella, che consigliamo di far costruire da un buon fabbro, passiamo al fissaggio al carrello. Per eseguire tale operazione utilizzeremo 4 barre filettate piegate in modo da seguire la sagoma del longherone del carrello. Volendo, esistono in commercio tali barre fornite come ricambio dalle società che producono i rimorchi che le forniscono già zincate e munite di dadi autobloccanti. Consigliamo categoricamente questi dadi che garantiscono la sicurezza di non svitarsi durante il trasporto su strada del carrello.

Ma proseguiamo con i lavori: appoggiamo la pedana ai longheroni del carrello e mettiamola nella posizione che più si avvicina alle nostre esigenze, avendo cura di verificare che durante il varo alaggio non interferisca mai con la carena o con i movimenti dei rulli o della basculante.

Con un pennarello marchiamo i punti dove faremo i fori che serviranno per il passaggio delle barre filettate. Eseguiamo i fori con un trapano. Posizioniamo le barre, stringiamo bene i dadi e, nel caso uno dei due longheroni non risulti parallelo al suolo, interponiamo uno spessore prima di bloccare tutto l’assieme. Nel nostro caso abbiamo fissato una piastrina ed un dado.

A questo punto, se avrete compiuto correttamente queste semplici operazioni, potrete collaudare il sistema.

SCANNER newsbanner dal 8 settembre 2020 al 7 ottobre 2021
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
Contenuto protetto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR