Yamaha – header banner dal 1 aprile al 30 giugno 2024
Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024
MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025
Joker Boat header banner 2024
LOMAC – header banner standard

Anche i grandi (a volte)… toppano! Il gommone di Boston Whaler

0
SCANNER newsbanner dal 7 dicembre 2022 al 6 luglio 2023
SOLEMAR – newsbanner dal 5 marzo 2024 al 5 gennaio 2025
JOKER BOAT – 2° SOGGETTO
SALPA – newsbanner dal 7 febbraio 2024 al 7 febbraio 2025
Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024

Forse qualcuno se lo ricorderà, per altri invece potrà sembrare semplicemente un fulmine a ciel sereno. Lo sapevate che la mitica Boston Whaler (di proprietà di Brunswick Marine) si cimentò anche nella costruzione di un gommone?

Era il 2004 e l’azienda americana decise di entrare con tutta la forza del suo marchio (uno dei più celebri al mondo) nel settore dei semirigidi.

La presentazione del primo prototipo di pre-serie avvenne nel gennaio del 2004 al «Boot» di Düsseldorf. Il rib si chiamava Impact 180 e aveva una lunghezza fuori tutto di 5,55 metri con scafo schiumato.

Joker Boat header banner 2024
LOMAC – header banner standard
MV MARINE – newsbanner dal 27 ottobre 2023 al 27 ottobre 2024
NWC MARINE – newsbanner dal 31 ottobre 2023 al 30 ottobre 2024
MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025
GARMIN – newsbanner dal 25 marzo 2024 al 25 gennaio 2025
SUZUKI Newsbanner dal 1 aprile 2024 al 30 settembre 2024
CANNES YACHTING FESTIVAL – dal 1 giugno al 15 settembre 2024

Probabilmente il fatto di avere una carena «piena» limitava parecchio lo spazio a bordo e i vantaggi tipici di questa particolare costruzione (utilizzata nelle barche) erano in realtà già garantiti dalla parte pneumatica: una «duplicazione» che comportava perdite di spazi gavonabili e costi superiori.

L’Impact 180 fece anche due timide apparizioni anche in Italia nella primavera del 2004, e più precisamente in occasione della fiera nautica Bo.Ma di Genova (si svolse per qualche anno, organizzata da Ucina, senza grande successo) e al Nauticsud di Napoli.

Il gommone non entusiasmò ne i gommonauti italiani ne tanto meno quelli dell’Europa Continentale e così la Casa americana decise di abortire il progetto ancor prima del debutto che avrebbe dovuto annoverare anche un 21 e un 24 piedi.

Dei gommoni di Boston Whaler se ne tornò a parlare alla fine del 2007, quando cominciarono a circolare con una certa insistenza voci di un possibile «sbarco» in grande stile tra i «pneumatici» (si dice grazie alla collaborazione di un noto cantiere italiano), guardando però all’alto di gamma con due modelli oltre i 7,50 metri.

Alle voci non seguirono, però, mai i fatti e dopo pochi mesi si smise pure di parlarne.

CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
Contenuto protetto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR