MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025
Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024
Yamaha – header banner dal 1 aprile al 30 giugno 2024
Joker Boat header banner 2024
LOMAC – header banner standard

Storia: Whitehead W6, il fuoribordo della Fiat che non funzionava mai!

0
SOLEMAR – newsbanner dal 5 marzo 2024 al 5 gennaio 2025
ZAR FORMENTI – newsbanner dal 31 maggio al 31 luglio 2024
Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024
SALPA – newsbanner dal 7 febbraio 2024 al 7 febbraio 2025
SCANNER newsbanner dal 7 dicembre 2022 al 6 luglio 2023
JOKER BOAT – 2° SOGGETTO

Nel 1976 il Gruppo Fiat decise di entrare nel mercato della nautica con il marchio Whitehead. Il primo fuoribordo della gamma si chiamava W6S.

La progettazione e la costruzione venne affidata alla Gilardini Motofides di Livorno (impresa specializzata nella produzione di siluri per uso bellico). Il motore, in apparenza, sembrava destinato ad un impiego professionale poiché era privo di carenatura e con il volano a vista, un grosso tubo inox che fungeva da gambale, le fusioni del monoblocco nere (la leggenda vuole che non fossero verniciate, ma solo anodizzate e questo spiegherebbe la finitura opaca) e con un’elica enorme e lenta.

Il monoblocco era monocilindrico 2T (94,3 cc) raffreddato esclusivamente ad acqua, nonostante la vistosa alettatura presente sulla testata. Dopo solo un paio d’anni dal lancio il W6S fu proposto in una versione riveduta e corretta, caratterizzata da una parvenza di carenatura che nascondeva praticamente il solo volano e alla base della quale sbucava la manopola per l’avviamento.

Joker Boat header banner 2024
LOMAC – header banner standard
MV MARINE – newsbanner dal 27 ottobre 2023 al 27 ottobre 2024
NWC MARINE – newsbanner dal 31 ottobre 2023 al 30 ottobre 2024
MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025
GARMIN – newsbanner dal 25 marzo 2024 al 25 gennaio 2025
SUZUKI Newsbanner dal 1 aprile 2024 al 30 settembre 2024
CANNES YACHTING FESTIVAL – dal 1 giugno al 15 settembre 2024

Alla tradizionale versione da spinta se ne affiancò una da diporto dotata di un piede più moderno con un diverso rapporto ingranaggi (ribattezzato «veloce») e scarico attraverso il mozzo dell’elica, disponibile in versione con cambio completo o solo A/F.

Pochi mesi dopo, al W6 venne affiancato il W12 – presentato come prototipo al Salone Nautico di Genova nel 1976 – con analoghe caratteristiche ma in versione bicilindrica e 10 hp di potenza (in pratica con la sovrapposizione di due blocchi W6 monocilindrici sul medesimo gambale).

L’accoglienza della stampa di settore fu a dir poco euforica, ma oggi si fa una certa fatica a credere alla buona fede dei superlativi utilizzati nelle recensioni a favore della nuova filosofia «concreta ed essenziale» introdotta dagli Whitehead e della loro qualità costruttiva. Nel 1979 arrivò il top di gamma, ovvero il W24 da 24 hp e l’anno successivo debuttò, seppur come prototipo, un 16 cavalli.

In realtà, già al primo contatto, il W6 nelle varie versioni si rivelò quel che sembra: un fuoribordo scomodo da usare e da movimentare, rumoroso e sbatacchione. Dopo un primo incoraggiante successo di vendite, sostenuto da un massiccio battage pubblicitario, gli Whitehead caddero nell’oblio e la produzione cessò nel 1986, dopo soli dieci anni.

Se volete conoscere tutta la storia di questo fuoribordo, potete richiedere il PDF dell’articolo pubblicato sul fascicolo n. 371 – agosto 2018 cliccando qui.

CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
Contenuto protetto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR