LOMAC – header banner standard
Joker Boat header banner 2024
Yamaha – header banner dal 1 aprile al 30 giugno 2024
Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024
MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025

Sapete qual è il DNA di un «vero» gommone?

0
SOLEMAR – newsbanner dal 5 marzo 2024 al 5 gennaio 2025
JOKER BOAT – 2° SOGGETTO
SCANNER newsbanner dal 7 dicembre 2022 al 6 luglio 2023
Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024
ZAR FORMENTI – newsbanner dal 31 maggio al 31 luglio 2024
SALPA – newsbanner dal 7 febbraio 2024 al 7 febbraio 2025

Quando un «rib» si può davvero definire tale? E quando, invece, si tratta solo di una «barca con i tubi» (anche se l’omologazione attesta il contrario)? Quanto influiscono i tubolari sul comportamento del mezzo? Meglio «alti» o «bassi»? Pieni, rigidi o gonfiabili?

A queste e a tante altre curiosità cercheremo di dare una risposta in un interessante articolo dall’Ing. Alessandro Chessa e pubblicato sul numero di marzo della Rivista Il Gommone (ora in edicola o in edizione digitale).

Secondo la normativa vigente, un «RIB» (che per chi ancora non lo sapesse è l’acronimo di rigid inflatable boat) è un «battello pneumatico con la parte inferiore dello scafo costruita come unità rigida e l’opera morta non rigida che può essere gonfiabile o schiumata, dove il volume di galleggiamento non sia inferiore al 50% del volume di galleggiamento totale richiesto. Sono esclusi tubolari in alluminio, in polietilene, vetroresina, o altri materiali rigidi».

Joker Boat header banner 2024
LOMAC – header banner standard
MV MARINE – newsbanner dal 27 ottobre 2023 al 27 ottobre 2024
NWC MARINE – newsbanner dal 31 ottobre 2023 al 30 ottobre 2024
MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025
GARMIN – newsbanner dal 25 marzo 2024 al 25 gennaio 2025
SUZUKI Newsbanner dal 1 aprile 2024 al 30 settembre 2024
CANNES YACHTING FESTIVAL – dal 1 giugno al 15 settembre 2024

La norma innanzitutto definisce le dimensioni del tubolare in relazione alla grandezza dello scafo, ma non specifica il posizionamento dei tubi rispetto alla linea di galleggiamento, né fissa una lunghezza minima; questo significa che non sempre il tubolare debba influenzare le doti statiche e dinamiche dello scafo.

Se agli albori della gommonautica distinguere un battello pneumatico (smontabile o semirigido) da una barca era piuttosto semplice, con il tempo l’evoluzione progettuale negli scafi e l’introduzione di parti rigide anche nell’opera morta ha reso questa distinzione non sempre così banale.

In ogni caso creare una linea di confine tra un battello pneumatico e un’imbarcazione non ha alcuna rilevanza dal punto di vista della navigazione o di esperienza di utilizzo. Banalmente si può dire che il mare «non si pone questo problema».

Le combinazioni e le fantasie progettuali ma anche le esigenze di impiego hanno portato questo confine a essere sempre più sfumato, sia dal punto di vista estetico che funzionale e non sempre definibile a prima vista.

In quest’articolo (pubblicato integralmente sul numero di marzo – n. 386 ora in edicola o disponibile in edizione digitale) approfondiremo quali siano le caratteristiche tecnico-funzionali tali da poter distinguere il gommone da una barca rigida, e dove invece su questa distinzione ci sia da discutere.

CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
Contenuto protetto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR