LOMAC – header banner standard
Joker Boat header banner 2024
MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025
Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024

«Ribbing for Arctic» in gommone tra i ghiacci cercando il Passaggio a Nord-Ovest

0
ZAR FORMENTI – newsbanner dal 31 maggio al 31 luglio 2024
SALPA – newsbanner dal 7 febbraio 2024 al 7 febbraio 2025
Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024
JOKER BOAT – 2° SOGGETTO
SOLEMAR – newsbanner dal 5 marzo 2024 al 5 gennaio 2025
SCANNER newsbanner dal 7 dicembre 2022 al 6 luglio 2023

Sulla scia dei Vichinghi e dei grandi esploratori del 18° secolo che hanno dedicato la loro vita alla scoperta del passaggio più breve verso l’Oceano Pacifico, è partita la prima spedizione «Ribbing for Arctic».

Team leader di questa impresa gommonautica è Thomas Panagiotopoulos, giornalista e navigatore greco non nuovo a queste avventure, che verrà affiancato durante il lungo viaggio da diversi membri del team, tra cui l’italiano Cristiano Segnini.

La spedizione viene condotta a bordo di un semirigido Seafighter Y36 di costruzione greca, lungo 10,95 m f.t. e largo 3,16, motorizzato con una coppia di Suzuki DF350A Dual Prop.

Joker Boat header banner 2024
LOMAC – header banner standard
MV MARINE – newsbanner dal 27 ottobre 2023 al 27 ottobre 2024
NWC MARINE – newsbanner dal 31 ottobre 2023 al 30 ottobre 2024
MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025
GARMIN – newsbanner dal 25 marzo 2024 al 25 gennaio 2025
SUZUKI Newsbanner dal 1 aprile 2024 al 30 settembre 2024
CANNES YACHTING FESTIVAL – dal 1 giugno al 15 settembre 2024

I gommonauti cercheranno di navigare nell’Oceano Atlantico settentrionale per raggiungere la costa occidentale della Groenlandia e successivamente attraversare il leggendario Passaggio a Nord Ovest, a Nord del Canada, navigando lo Stretto di Bering che separa la costa del continente americano (Alaska) da quelle dell’Asia, coprendo un totale di oltre 7000 miglia nautiche.

Il passaggio a Nord-Ovest è la rotta marittima, di circa 5.780 chilometri, situata a Nord del Canada e dell’Alaska, che collega l’Atlantico con l’Oceano Pacifico. E’ considerato il passaggio più pericoloso del mondo poiché la sua storia è segnata da pericoli, naufragi e marinai scomparsi.

Oltre a stabilire un record di navigazione con il gommone, l’equipaggio dell’«Arctic» (così è stato battezzato il battello) si prefigge lo scopo di documentare gli effetti del cambiamento climatico nell’ambiente marino artico e nella fauna selvatica.

La spedizione ha preso avvio il 3 luglio dal Liberty Royal Club di Anversa, in Belgio. Dopo due ore di navigazione sul fiume Schelda il gommone ha raggiunto il Mare del Nord, dove c’erano 13°C, una bella differenza con il mare greco in questo periodo!

Scontratisi con le difficoltà di reperire carburante in banchina lungo la costa del Regno Unito, vento teso e onda corta, l’equipaggio ha comunque raggiunto le Isole Orcadi, in Scozia, in un paio di giorni, tenendo una media di marcia elevata. Il 7 luglio, sfidando il meteo, per non rimanere bloccati, Thomas Panagiotopoulos e Konstantinos Kalogeropoulos hanno navigato fino alle Isole Faroe, combattendo con onde gigantesche con andatura sui 12 nodi. Dopo 235 miglia si contavano le seguenti «vittime»: un tergicristallo bruciato, un finestrino laterale rotto e la perdita della scaletta bagno. Ma ai due è andata davvero bene!

Da Torshaven, capoluogo delle Faroe, in 15 ore l’equipaggio ha poi raggiunto l’Islanda (Hofn) con una navigazione di 287 miglia, a velocità da 18 a 30 nodi.

Il 15 luglio l’equipaggio era a Reykjavik dove è stato bloccato per le cattive condizioni meteomarine: il ghiaccio ha chiuso la baia del porto che desideravano raggiungere (Tasiilaq). Qui, cambiando un po’ i piani, Cristiano Segnini e Carlos Santaella Martinez hanno raggiunto Thomas Panagiotopoulos dando il cambio a Kostantinos.

Ad oggi l’equipaggio è in Groenlandia ad Aappilatoq dove ha trovato rifugio dopo una traversata molto complicata di 200 miglia (circa 700 in totale da Rey a Nanortalik) per via del fatto che la costa orientale della Groenlandia è insolitamente piena di ghiaccio per il periodo (hanno avuto un inverno molto rigido).
Condimeteo permettendo, l’equipaggio ha intenzione di salire il più a Nord possibile, ma date le condizioni del ghiaccio non si può prevedere, ad ora, una tabella di marcia definitiva.

Il raid «Ribbing for Arctic» può essere seguito h24 cliccando qui.

CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
Contenuto protetto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR