Yamaha header banner dal 19 aprile al 30 aprile 2018
Pennel&Flipò header dal 14 marzo al 14 settembre 2018
Bwa headerbanner 2018
Joker Boat header 2018
Garmin headerbanner 2018 dal 25 gennaio al 31 ottobre 2018
Brin Mar – header banner dal 1 maggio al 31 agosto 2018
Highfield (dreamyachting) – header da 8 novembre 2017 a 8 novembre 2018
Brp headerbanner 2018 dal 1 marzo al 31 dicembre 2018

Revisione rimorchi: la scadenza si avvicina… ma tutto tace!

1
Brunswick Marine newsbanner 2018
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2016 al 18 nov 2017

Nel marasma da elezioni politiche che ci ha distratto per diverse settimane, è forse passato un po’ in secondo piano un’incombenza che si avvicina molto rapidamente e che rischia di lasciare a piedi migliaia di diportisti della piccola nautica.

Il provvedimento in questione è la nuova normativa europea che ripristina (era stata sospesa nel 2003) l’obbligo della revisione per I carrelli porta-imbarcazioni (ma non solo).

La prescrizione scatterà, infatti, il 20 maggio e interesserà migliaia di carrelli. Il problema è che a oggi ancora nessuno, neppure la Motorizzazione Civile (MTCT) deputata ad effettuare i controlli, sa nulla. Ad oggi non è stato nemmeno fissato un calendario della «chiamata» alla revisione.

Base Nautica newsbanner dal 1 gennaio al 31 maggio 2018
Pianeta Nautica – newsbanner dal 16 aprile al 16 maggio 2018

E’ presumibile che si comincerà con quelli più «anziani», ma c’è da capire se per tutti gli altri, in attesa del check, verrà istituita una sorta di «moratoria». E’, infatti, pressoché impossibile pensare che gli uffici della Motorizzazione siano in grado di smaltire un così elevato numero di verifiche in poche settimane.

I carrelli che dovrebbero essere, infatti, sottoposti a revisione comprendono un arco temporale che va dal 2003 al 2015, tanti, certamente troppi per il personale degli Uffici competenti.

Si potrebbe, ipotizzare (è la voce più ricorrente negli ambienti ministerali) di delegare le revisioni alle officine private, come già avviente per le auto, dato che il provvedimento è «strutturale» e prevede le medesime scadenze delle auto (4-2-2).

Ma queste non potranno effettuare i medesimi controlli che fino al 2003 faceva la MTCT; la prova di frenata, per esempio, va effettuata in un piazzale chiuso al traffico (come avviene presso i Centri della Motorizzazioni) e non su strade aperte alla normale circolazione.

Per i gommonauti c’è, inoltre, un’altra seccatura di non poco conto. Secondo quanto stabilito dal Decreto Ministeriale n. 214 del 19/05/2017 i rimorchi vanno portati al controllo scarichi, quindi bisogna organizzarsi con un rimessaggio (per esempio) per scaricare il battello e lasciarlo in custodia per il tempo necessario al check.

SHD – newsbanner dal 23 settembre 2017 al 23 settembre 2018
Garmin headerbanner 2018 dal 25 gennaio al 31 ottobre 2018
Scanner newsbanner 2018
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

1 commento

  1. Per la revisione potrebbero incaricare i centri delle officine autorizzate ma con disponibilità di piazzale per la frenata. Poi vorrei capire come possa fare una persona privata, come me, che ne ha 4 di carrelli. Si organizza con autotreno per portarli alla revisione della MTC che dista circa km. 4? Poi la faranno biennale? Nn sono rimorchi da lavoro come quelli degli autitreni, cosa si può rovinare in soli 2 anni con una percorrenza di poche migliaia di kilometri ad esser ottimisti?

Lascia un commento

risolvi l'enigma... Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy