TOHATSU – newsbanner dal 2 marzo al 30 settembre 2020
Joker Boat header banner 2021
Bwa headerbanner 2021
Mercury Header banner dal 12 marzo 2020 al 12 marzo 2022
MARSHALL – newsbanner dal 22 febbraio 2021 al 21 febbraio 2022
LOMAC – header banner standard

Rebus limiti di navigazione. No ai natanti oltre 12 miglia. Vi spieghiamo perché

0
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2019 al 18 nov 2021
MARSHALL – newsbanner dal 22 febbraio 2021 al 21 febbraio 2022
Bwa headerbanner 2021
TOHATSU – newsbanner dal 2 marzo al 30 settembre 2020
Highfield – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2021

Il rompicapo tipico di ogni estate è quello dei limiti di navigazione dei natanti da diporto ovvero di quei mezzi che, non essendo immatricolati nei pubblici registri navali, non posseggono una licenza di navigazione – come le imbarcazioni e le navi da diporto – sulla quale tali limiti vengono riportati.

Per risalire al tipo di abilitazione di un natante, occorre fare riferimento al Codice della nautica da diporto e, in particolare, all’articolo 27, che distingue i natanti in due grandi categorie: quelli con e quelli senza marcatura CE.

Detta norma stabilisce che i natanti da diporto senza marcatura CE possono navigare entro 6 miglia dalla costa, salvo due eccezioni.

SALPA – newsbanner dal 9 gennaio 2019 al 15 gennaio 2022
Mercury Header banner dal 12 marzo 2020 al 12 marzo 2022
Joker Boat header banner 2021
AVILA – newsbanner dal 11 febbraio 2021 al 10 febbraio 2022
YACHT SINERGY – newsbanner dal 12 febbraio al 11 agosto 2021
GARMIN – newsbanner dal 9 marzo al 9 dicembre 2021
RAYMARINE – newsbanner dal 1 APRILE al 31 dicembre 2021
SUZUKI Newsbanner dal 8 aprile 2021 al 8 aprile 2022
LOMAC – header banner standard
Base Nautica newsbanner dal 16 aprile al 15 novembre 2021

La prima riguarda i cosiddetti natanti da spiaggia ovvero jole, pattini, sandolini, mosconi, pedalò, tavole a vela, natanti a vela con superficie velica non superiore a quattro metri quadrati, moto d’acqua e mezzi similari (come ad esempio canoe e kajak), che possono navigare fino ad un miglio dalla costa.

La seconda eccezione riguarda i natanti senza marcatura CE a suo tempo omologati per la navigazione senza limiti dalla costa oppure riconosciuti idonei per tale tipo di navigazione da un organismo tecnico a seguito di apposita visita di sicurezza; detti mezzi possono navigare fino a dodici miglia dalla costa, purché abbiano a bordo la copia del certificato di omologazione e la relativa dichiarazione di conformità al prototipo omologato (sostituibile con l’estratto dai registri imbarcazioni da diporto, se si tratta di natanti un tempo immatricolati, da cui risulti l’abilitazione senza limiti dalla costa) oppure l’attestazione di idoneità rilasciata dall’organismo tecnico al termine della predetta visita.

I natanti marcati CE, invece, possono navigare entro i limiti fissati per la categoria di progettazione cui appartengono, categoria che è riportata sia nel manuale del proprietario che accompagna ogni unità marcata CE, sia sulla targhetta del costruttore fissata in modo inamovibile sullo scafo di questo tipo di unità.

Come previsto dalla direttiva comunitaria in materia, per le unità marcate CE non sono più previsti limiti di navigazione espressi in miglia di distanza dalla costa, bensì in termini di altezza significativa delle onde e forza del vento che possono sopportare.

Secondo l’articolo 27 del Codice della nautica i natanti con marcatura CE «possono navigare nei limiti stabiliti dalla categoria di progettazione di appartenenza».

Questa norma ha fatto nascere l’illusione che i natanti delle categorie «A» o «B» potessero navigare oltre il limite delle acque territoriali (italiane o straniere che fossero). Bisogna, invece, precisare che non è così.

Infatti, la navigazione oltre le 12 miglia marine, cioè al di fuori delle acque territoriali, è regolata dalla Convenzione internazionale di Montego Bay (1982) sul diritto del mare, nella quale è previsto che la nazionalità di un mezzo nautico che naviga in acque internazionali (alto mare o mare internazionale), cioè oltre le acque territoriali, sia comprovata dai documenti di bordo.

I natanti, non essendo immatricolati, sono privi di tale documentazione e considerati privi di nazionalità (bandiera): pertanto, sono soggetti in alto mare alla polizia della navigazione svolta da navi militari di qualsiasi Stato sottoscrittore della Convenzione (praticamente tutti gli Stati del mondo), senza potersi avvalere del regime della bandiera nazionale.

Questo il motivo per cui i natanti di categoria A o B, seppur tecnicamente in grado – alla pari di un’imbarcazione delle stesse categorie – di navigare oltre le 12 miglia, non possono per ragioni di diritto internazionale superare detto limite.

SCANNER newsbanner dal 8 settembre 2020 al 7 ottobre 2021
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
Contenuto protetto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR