Mercury Header banner dal 12 marzo 2019 al 12 marzo 2020
RAYMARINE – header banner dal 10 settembre al 31 dicembre 2019
Joker Boat header banner 2020
MONDOMARE – newsbanner dal 14 novembre al 2 febbraio 2020
LOMAC – header banner dal 9 settembre 2019 al 9 settembre 2020
Yamaha – header banner dal 1 settembre al 14 marzo 2020
Bwa headerbanner 2019
Wendt Agenturen – header banner dal 24 settembre al 31 dicembre 2019

Quegli strani funghi sui tubolari. Cosa sono? Perché vengono?

0
Mercury Header banner dal 12 marzo 2019 al 12 marzo 2020
Joker Boat header banner 2020
Highfield – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2020
Bwa headerbanner 2019

Diversi lettori ci hanno segnalato uno strano fenomeno che, solamente in circostanze ben definite, provoca la formazione di funghi e muffe sui tubolari, spesso sotto forme di macchie.

Il fatto, già noto da tempo ai tecnici dei cantieri e ai produttori di tessuto gommato, riguarda i gommoni equipaggiati con tubolari in hypalon-neoprene di colore bianco o similare (di solito le tinte più chiare).

A dispetto di quanto si sarebbe portati a pensare, questo fenomeno non sarebbe determinato dal prolungato contatto con l’acqua di mare, bensì da fattori esterni.

Honda Marine – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2019
Base Nautica newsbanner dal 14 dicembre al 14 luglio 2019
Yamaha – header banner dal 1 settembre al 14 marzo 2020
Wendt Agenturen – header banner dal 24 settembre al 31 dicembre 2019
SUZUKI Newsbanner dal 16 maggio al 16 aprile 2020
MONDOMARE – newsbanner dal 14 novembre al 2 febbraio 2020

La vicenda, che fino ad oggi ha riguardato un numero limitato di battelli pneumatici, non è da imputarsi a un «difetto» del prodotto e non inficia in alcun modo la tenuta delle camere d’aria quando sono in pressione.

Questi strani funghi, che forse però sarebbe meglio chiamare muffe, compaiono solo in determinate condizioni. Una di queste è rappresentata dall’utilizzo di un telo di copertura non traspirante, che provoca quindi condensa e ristagno d’acqua interno.

Il caldo poi fa il resto e alle nostre latitudini – avete presente le temperature che si raggiungono su un piazzale in cemento o asfalto durante la stagione estiva? – non è un’eventualità poi così remota. E ricordiamo che la condizione ideale per la formazione di funghi e muffe in genere è proprio la presenza contemporanea di caldo e umido.

Non a caso situazioni del genere non sono state fino ad oggi riscontrate su battelli pneumatici venduti nel Nord Europa, quindi a latitudini assai più fredde della nostra. Ma l’ipotesi, forse, più curiosa fino ad oggi formulata dai tecnici è quella legata all’impiego di cosmetici e di creme solari da parte dei passeggeri.

All’argomento abbiamo dedicato un articolo molto esaustivo sul fascicolo n. 280 (Luglio 2009) con tutte le soluzioni per risolvere il problema. Se volete richiedere il Pdf cliccate qui.

SALPA – newsbanner dal 9 gennaio 2019 al 15 gennaio 2020
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR