LOMAC – header banner dal 9 settembre 2019 al 9 settembre 2020
Mercury Header banner dal 12 marzo 2020 al 12 marzo 2021
Bwa headerbanner 2020
Joker Boat header banner 2020
Yamaha – header banner dal 14 marzo al 14 marzo 2021

Quali effetti sulla nautica dal Coronavirus?

0
Bwa headerbanner 2020
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2019 al 18 nov 2020
TOHATSU – newsbanner dal 2 marzo al 30 settembre 2020
GARMIN – newsbanner dal 16 marzo al 15 dicembre 2020
MAR.CO – newsbanner dal 27 novembre al 31 maggio 2020
Joker Boat header banner 2020
Honda Marine – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2020
Highfield – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2020

Dopo l’emergenza globale diramata dall’OMS, cioè l’Organizzazione Mondiale della Sanità, e la decisione di molti Stati (tra cui l’Italia) di chiudere i collegamenti (per ora solo aerei) con la Cina per contrastare e limitare l’epidemia dal terribile Coronavirus che ha già contagiato diverse migliaia di persone e fatto quasi quattrocento morti fino ad oggi, anche l’industria inizia ad accusare il colpo.

Nel mondo dell’automotive diverse aziende hanno già sospeso la produzione (è il caso di Toyota, Bmw eccetera), altre saranno costrette irrimediabilmente a farlo nei prossimi giorni o settimane.

E nella nautica che cosa succede? Premesso che stiamo parlando di un comparto che ha numeri di gran lunga più piccoli di quello dell’industria metalmeccanica e automobilistica, c’è da dire che se le cose non cambieranno rapidamente, vale a dire non si trovi una soluzione (cioè un vaccino), nel corso dei prossimi mesi potrebbe esserci un rallentamento, se non un totale fermo, nell’arrivo di prodotti nautici dalla Cina.

Base Nautica newsbanner dal 15 febbraio  al 15 settembre 2020
SCANNER newsbanner dal 21 marzo al 21 settembre 2019
JUST SLIK – newsbanner dal 16 dicembre 2019 al 15 dicembre 2020
SHD – newsbanner dal 19 febbraio al 18 luglio 2020
Yamaha – header banner dal 14 marzo al 14 marzo 2021

E’ il caso, per esempio, di gran parte dei piccoli gommoni smontabili in Pvc e hypalon, che proprio da quel Paese arrivano in maggioranza.

Stessi problemi potrebbero interessare alcuni modelli di fuoribordo, che sono assemblati nella Repubblica Popolare Cinese.

E non va meglio sul fronte degli accessori, della componentistica e dell’elettronica (Gps, plotter, ecoscandagli, Vhf, eccetera).

Per ora non si sono ancora segnalate criticità, anche perché la stagione nautica in Europa è iniziata solamente adesso e ci sono gli stock ancora da esaurire, ma è probabile che nei prossimi mesi ci potrebbe essere un allungamento dei tempi di consegna finanche alla totale indisponibilità del prodotto.

Meno problematica appare, invece, la situazione sul fronte dell’export nautico italiano verso la Cina; di barche e gommoni fino ad ora se ne sono vendute tutto sommato pochini, ma certo questa situazione non aiuta.

Staremo a vedere che cosa succederà, incrociando le dita!

LOMAC – header banner dal 9 settembre 2019 al 9 settembre 2020
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR