Joker Boat header banner 2019
Garmin headerbanner 2019 dal 16 gennaio al 31 ottobre 2019
LOMAC – header banner dal 9 settembre 2019 al 9 settembre 2020
Pennel&Flipò – Header banner dal 3 aprile al 3 ottobre 2019
Mercury newsbanner dal 12 marzo 2019 al 12 marzo 2020
Bwa headerbanner 2019
RAYMARINE – header banner dal 10 settembre al 31 dicembre 2019
Yamaha – header banner dal 1 settembre al 14 marzo 2020
SUZUKI Header-banner dal 1 settembre al 31 ottobre 2019

Piovre e polpi giganti: leggenda o realtà?

0
Highfield – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 18 dicembre 2019
Bwa headerbanner 2019
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2017 al 18 nov 2019
Joker Boat header banner 2019
Mercury newsbanner dal 12 marzo 2019 al 12 marzo 2020

La scienza oggi ammette che esistono esemplari di octopus giganteus, ovvero piovra gigante, che possono avere apertura di tentacoli fino a 25 metri e peso fino a 18 tonnellate. Ma un tempo, attorno a queste non abituali creature aleggiavano leggende intrise di misteri.

Del calamaro gigante – il terribile kraken dei vichinghi – sono documentati attacchi con vittime umane sia a battelli da pesca che alle navi a vela (quelle più moderne a motore sono troppo veloci e rumorose).

E se già Plinio il Vecchio nella sua «Naturalis historia» (libro X) raccontò di una piovra che in Spagna vicino a Gibilterra saccheggiava i vivai dei pescatori (dati forniti dal naturalista romano: la testa come una botte, i tentacoli di 9 metri, il peso di 318 kg), in tempi più recenti ci sono testimonianze altrettanto documentate.

Honda Marine – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2019
TOHATSU – newsbanner dal  11 febbraio al 30 settembre 2019
Pennel&Flipò – Header banner dal 3 aprile al 3 ottobre 2019
Garmin headerbanner 2019 dal 16 gennaio al 31 ottobre 2019
Base Nautica newsbanner dal 14 dicembre al 14 luglio 2019
SCANNER newsbanner dal 21 marzo al 21 settembre 2019
OSCULATI – newsbanner dal 27 giugno al 30 settembre 2019
SUZUKI Header-banner dal 1 settembre al 31 ottobre 2019
Yamaha – header banner dal 1 settembre al 14 marzo 2020

Come quella del capitano danese Jean-Magnus Dens nel 1786 che riferì nel libro di bordo dell’attacco alla sua nave, immobilizzata in bonaccia davanti a Sant’Elena (Atlantico meridionale) di un’immensa piovra (ma era probabilmente un calamaro gigante) che strappò dalla coperta tre uomini.

Nel vano tentativo di salvare i compagni, alcuni marinai tranciarono a colpi di scure un tentacolo, rimasto a bordo e risultato lungo 7,5 metri. Roba da far accapponare la pelle al gommonauta più intrepido.

Altra testimonianza, un ex voto del 1804, offerto da marinai francesi al celebre santuario di Saint Malò, che riportava con un disegno ingenuo, ma terrificante, l’assalto alla loro nave – probabilmente di circa 20 metri – da parte di un gigantesco octpus che l’aveva quasi rovesciata, mollando la presa solo quando con sciabole e scuri l’equipaggio aveva troncato alcuni dei tentacoli.

Finì peggio l’incontro di un peschereccio americano nel 1836 al largo delle isole Lucayes: furono ghermiti due uomini e il pezzo di tentacolo troncato con le scuri risultò lungo quasi 4 metri e grosso come il corpo di un uomo.

Ancora: nel 1921 il naturalista spagnolo Blasco fu attaccato e ucciso nella baia di Vigo da una piovra. Nel 1924 altri due pescatori sono trascinati in mare e spariscono nel canale della Manica.

Nel 1930 è la volta di un operaio addetto alla riparazione di una boa luminosa a capo S.Lucas (California), trascinato via da una piovra davanti ai compagni.

Nel 1941 un cacciasommergibili Usa al largo della Florida, mentre bombardava un presunto U-boote tedesco, vide affiorare sotto i suoi colpi una piovra di 9 metri di diametro (tentacoli) negli spasimi dell’agonia.

Nel 1957 il biologo Fran Kane trestimoniò di un octopus preso in Alaska con un’apertura di tentacoli di 11 metri. Infine nel 2002 in Nuova Zelanda è stato pescato un esemplare con apertura di 4 metri.

E perfino negli ultimi anni si sente non di rado l’avvistamento di qualche polpo mostruosamente gigante, soprattutto nel mar del Giappone.

Comunque, da gommonauti di superficie, consoliamoci: questi animali vivono nelle profondità abissali, e con il frastuono che nautica e navigazione a motore creano nei nostri mari, sono forse più spaventati di noi. E si tengono (speriamo) ben lontani.

SALPA – newsbanner dal 9 gennaio 2019 al 15 gennaio 2020
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR