Bwa headerbanner 2019
RAYMARINE – header banner dal 10 settembre al 31 dicembre 2019
SUZUKI Header-banner dal 1 settembre al 31 ottobre 2019
Yamaha – header banner dal 1 settembre al 14 marzo 2020
Garmin headerbanner 2019 dal 16 gennaio al 31 ottobre 2019
Joker Boat header banner 2019
Mercury newsbanner dal 12 marzo 2019 al 12 marzo 2020
LOMAC – header banner dal 9 settembre 2019 al 9 settembre 2020
Pennel&Flipò – Header banner dal 3 aprile al 3 ottobre 2019

Perché non va usato l’olio dell’auto per i fuoribordo 4T

0
Mercury newsbanner dal 12 marzo 2019 al 12 marzo 2020
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2017 al 18 nov 2019
Joker Boat header banner 2019
Highfield – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 18 dicembre 2019
Bwa headerbanner 2019

Il primo motivo per cui i lubrificanti per auto a benzina sono inadeguati all’uso sui fuoribordo 4T è che sono studiati per garantire la piena compatibilità con le marmitte catalitiche.

L’esigenza di non influenzare negativamente le reazioni chimiche che vi avvengono (si potrebbe verificare quello che tecnicamente è detto «avvelenamento» del catalizzatore) condiziona fortemente le possibilità di additivazione del lubrificante e, in particolare, non ammette la presenza di additivi a base di zinco (ZDDP).

Questi ultimi svolgono importanti funzioni antiusura e antiossidazione in presenza di condensa e salino e, risultando fondamentali per la durata del fuoribordo, sono invece largamente utilizzati negli oli FC-W (acronimo di Four Cycle Watercooled).

Honda Marine – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2019
TOHATSU – newsbanner dal  11 febbraio al 30 settembre 2019
Pennel&Flipò – Header banner dal 3 aprile al 3 ottobre 2019
Garmin headerbanner 2019 dal 16 gennaio al 31 ottobre 2019
Base Nautica newsbanner dal 14 dicembre al 14 luglio 2019
SCANNER newsbanner dal 21 marzo al 21 settembre 2019
OSCULATI – newsbanner dal 27 giugno al 30 settembre 2019
SUZUKI Header-banner dal 1 settembre al 31 ottobre 2019
Yamaha – header banner dal 1 settembre al 14 marzo 2020

Altra caratteristica dei lubrificanti «terrestri» poco gradita ai fuoribordo è l’eccessiva ampiezza del campo di viscosità ammesso, soprattutto verso le temperature di utilizzo meno elevate.

Il range di variabilità SAE 10W-40, universalmente adottato nei lubrificanti automotive, è troppo ampio per i fuoribordo; a causa degli elevati stress indotti nel funzionamento sotto carico e ad alto regime, alcuni costruttori ritengono opportuno non scendere in nessun caso sotto la gradazione SAE 25.

Ad aggravare ulteriormente la situazione, le minori temperature medie di esercizio dei fuoribordo anche in condizioni di massimo sforzo, che comportano un costante utilizzo del lubrificante proprio nel range cui corrispondono i valori di viscosità più bassi.

Terza e ultima controindicazione è l’assenza nei lubrificanti «terrestri» di specifici additivi che contrastino la formazione di schiume indotta dallo «shakeramento» a cui le imbarcazioni sono inevitabilmente sottoposte.

Il pericolo di pompare emulsione (cioè schiuma) anziché un fluido compatto espone maggiormente il velo lubrificante a rischi di lacerazione, sia per i possibili cali di pressione localizzati sia per la disomogeneità indotta dalla presenza di bolle d’aria.

Anche in questo caso, l’elevata resistenza alla formazione di schiume è una delle caratteristiche testate nelle prove di conformità alle specifiche FC-W.

Se volete saperne di più potete richiedere il PDF dell’articolo completo, pubblicato sul fascicolo n. 340 (luglio 2015).

SALPA – newsbanner dal 9 gennaio 2019 al 15 gennaio 2020
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR