Yamaha header torta dal 1 giugno al 31 luglio 2017
Bwa headerbanner
ZarMini – headerbanner dal 28 marzo al 30 settembre 2017
Garmin headerbanner dal 1 aprile al 31 ottobre 2017
Joker Boat header 2017

L’Editoriale

In Francia è stata appena pubblicata una guida on-line che recensisce oltre tremila scivoli lungo le coste delMediterraneo e dell’Oceano Atlantico. Un’iniziativa che, ancora una volta, testimonia quanto i nostri «cugini» siano avanti rispetto a noi sul tema dei diritti dei diportisti. In Italia su questo argomento siamo ancora all’«anno zero», visto che non solo non disponiamo di una guida agli scivoli, ma di fatto non sappiano neppure quanti ce ne sono e quali siano realmente fruibili. Insomma, sul fronte delle infrastrutture per la piccola nautica siamo un vero disastro! Passano gli anni, nessuno fa nulla di concreto per il diporto e, addirittura, pare che la questione sia ormai finita nel dimenticatoio.
La questione «scivoli» è scomparsa dall’agenda di ministri, funzionari e perfino da quella delle associazioni di categoria che dovrebbero tutelare gli interessi delle aziende che lavorano nella piccola nautica. Anche per questa stagione, dunque, dovremo confrontarci con i problemi di sempre, lasciando alla libera interpretazione degli Enti locali la fruibilità delle infrastrutture. Una giungla di ordinanze in cui il diportista fatica a districarsi, soprattutto perché spesso queste sono pubblicizzate poco e male, in un linguaggio non sempre comprensibile. Sarebbe auspicabile se nel nuovo Codice della Nautica che i legislatori stanno riscrivendo (quello precedente risale al 2005, ma quando vide la luce si disse che era già vecchio tanto fu il tempo necessario per vararlo!) ci fosse anche qualche capitolo sui diritti dei diportisti e non solo sui doveri.
In un Paese dove lo stato di diritto è spesso e volentieri calpestato dall’arroganza e dalla prepotenza, sarebbe di certo un bel segnale di discontinuità rispetto al passato. E forse avremmo potuto evitare casi come quello delle targhe sul LagoMaggiore o quelle della Laguna di Venezia, senza dimenticarci le tante storture che regolano la fruibilità delle AreeMarine Protette. E, ancora, gli assurdi parametri di giudizio per gli esami della vista per il conseguimento o la convalida della patente nautica, che fino allo scorso anno necessitava degli stessi requisiti di un pilota di jet e non quelli, assai più ragionevoli, richiesti per la guida di un’auto. In quell’occasione, a onor del vero, solo dopo una lunga battaglia condotta da Ucina – Confindustria Nautica si riuscì a ricomporre la questione.
Ma non sempre tutto va per il verso giusto.
Il Parlamento italiano e i governi regionali sono zeppi di provvedimenti che vorrebbero vietare questa o quella cosa: leggi pensate spesso senza un vero criterio, solo per far vedere che si fa qualcosa! E poi i diportisti andrebbero più tutelati anche dalle aziende che producono e vendono imbarcazioni e motori.
La nuova Direttiva Europea 2013/53/EU, entrata in vigore lo scorso 18 gennaio, stabilisce regole precise sulle responsabilità del venditore (concessionario, cantiere, importatore, distributore, eccetera) a difesa dell’acquirente, ma poi chi è in grado di farle rispettare se nessuno controlla? Sono ancora troppi i cantieri di battelli pneumatici (ma non solo quelli) che consegnano il gommone senza la documentazione corretta (approfittando dell’«ignoranza» del cliente) e nel campo dei motori non sempre i consumatori riescono a far valere le loro ragioni sul fronte delle garanzie.
Secondo noi è venuto il momento di creare un organismo super partes che svolga il ruolo di «sentinella» e difenda i diritti dei diportisti che navigano per mare, laghi e fiumi: in Francia c’è già e aderisce alla «Confédération du Nautisme et de la Plaisance», una confederazione che raggruppa le principali associazioni del settore nautico e che rappresenta oltre 7,5 milioni di diportisti, 4,5 milioni di simpatizzanti e praticanti occasionali, 5.000 aziende, 40 mila dipendenti, 570 porti turistici.
Buona navigazione!

 

 

 

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone