Joker Boat header banner 2020
LOMAC – header banner dal 9 settembre 2019 al 9 settembre 2020
Mercury – header banner 2°
Bwa headerbanner 2020
Yamaha – header banner dal 14 marzo al 14 marzo 2021

L’ancoraggio in rada: c’è da fidarsi?

0
Joker Boat header banner 2020
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2019 al 18 nov 2020
Honda Marine – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2020
Mercury – header banner 2°
GARMIN – newsbanner dal 16 marzo al 15 dicembre 2020
Bwa headerbanner 2020
SUZUKI Newsbanner dal 27 maggio al 27 agosto 2020
Highfield – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2020
TOHATSU – newsbanner dal 2 marzo al 30 settembre 2020

Quando, specie nella stagione estiva i porticcioli sono strapieni (anche i posti riservati al transito) bisogna accontentarsi di un ormeggio in rada.

Per buona parte dei gommonauti, l’ancoraggio è una manovra che appare semplice: si sceglie il posto, si ferma il motore, si butta a mare l’ancora (possibilmente legata alla sua cima!) e si dà volta a prua, con le lunghezze giuste in rapporto con il fondo. Et voilà!

Ma dare fondo all’ancora richiede un minimo di studio dell’area scelta per ancorarsi, in rapporto alle condizioni meteo e ad eventuali altri scafi che vi siano già all’ancora.

Base Nautica newsbanner dal 15 febbraio al 15 aprile 2021
JUST SLIK – newsbanner dal 16 dicembre 2019 al 15 dicembre 2020
SHD – newsbanner dal 19 febbraio al 18 luglio 2020
Yamaha – header banner dal 14 marzo al 14 marzo 2021
SALPA – newsbanner dal 9 gennaio 2019 al 15 gennaio 2021
CAR-MET – newsbanner
SUZUKI Newsbanner dal 27 maggio al 27 agosto 2020

La prima valutazione da fare una volta decisa l’area di ancoraggio è verificare da che parte tira il vento, perchè la corretta manovra avviene sempre con la prua al vento ed arretrando lentamente sul letto del vento stesso, in modo da stendere bene il calumo senza trascinare l’ancora sul fondo, ma anche senza rischiare di abbisciarvi sopra catena e cime, il che renderebbe precaria la tenuta.

E se non c’è vento apparente? Andrà valutata la corrente, che quasi sempre è presente in una baia o una cala. Non deve esserci fretta: si mette in folle sul punto prescelto, osservando come e in che direzione viene spinto il gommone; se c’è già qualche altra barca ancorata sarà ancora più semplice: basta vedere da che parte tira la loro cima dell’ancora.

Una volta scelto il punto, valutato il fondale, osservata la direzione di scarroccio per vento e corrente, bisogna calcolare anche dove andrà a posizionarsi il gommone rispetto all’ancora sulla base delle lunghezze di calumo decise e dell’arco prevedibile di rotazione della barca stessa.

Dunque, mai troppo vicino ad altre imbarcazioni o alla costa (si rischia di ritrovarci sugli scogli) o in posizione da intralciare eventuali corridoi di uscita o di fuga. Più corto è il calumo, meno si sposta il gommone dalla linea ideale rispetto all’ancora. Ma c’è una lunghezza minima di sicurezza – come abbiamo detto – che va rispettata.

Eseguiti questi calcoli preventivi, si da fondo nel punto giusto, si arretra lentamente nel letto del vento mentre chi sta a prua fila catena e poi cima e dopo aver mollato almeno tre lunghezze si mette in folle e sull’abbrivio indietro si mette in trazione il cavo finché si ha la certezza che l’ancora «morde».

Dopo di che si stendono ancora le residue lunghezze necessarie e si spenge il motore a manovra finita. Per non ruotare sull’ancora ci sono un paio di sistemi: il primo è di dar fondo di prua a due ancore afforcate, cioè sguardate tra di loro di almeno 35 gradi, ciascuna con il relativo cavo: il secondo è di dar fondo anche ad un ancorotto di poppa.

Questo secondo metodo è di più semplice esecuzione ma può creare problemi se c’è la possibilità che arrivino forti refole di fianco: non potendo ruotare il gommone strapperà con forza sulle due ancore e quella con minore tenuta sarà quasi certamente spedata.

LOMAC – header banner dal 9 settembre 2019 al 9 settembre 2020
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR