Bwa headerbanner 2020
LOMAC – header banner dal 9 settembre 2019 al 9 settembre 2020
Joker Boat header banner 2020
Yamaha – header banner dal 14 marzo al 14 marzo 2021
Mercury – header banner 2°

I nodi «giusti» per l’ormeggio in banchina

0
SUZUKI Newsbanner dal 27 maggio al 27 agosto 2020
Mercury – header banner 2°
TOHATSU – newsbanner dal 2 marzo al 30 settembre 2020
Joker Boat header banner 2020
GARMIN – newsbanner dal 16 marzo al 15 dicembre 2020
Bwa headerbanner 2020
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2019 al 18 nov 2020
Honda Marine – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2020
Highfield – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2020

Tutti sanno, o dovrebbero sapere, che i nodi marinari hanno una caratteristica prioritaria e indispensabile: tenere sotto sforzo e mollarsi immediatamente quando richiesto.

In pratica: se un nodo tiene, ma al momento di andare a scioglierlo oppone una tenace – e a volte disperata – resistenza, non è un nodo marinaro. Facile anche capire perché: in mare o all’ormeggio, spesso è necessario «mollare» in pochi secondi. V’immaginate se il nodo non ne vuol sapere?

Per ormeggiare, la procedura corretta è di arrivare avendo già fermato un terminale della cima sul proprio punto di ormeggio di bordo (galloccia o golfare), avendo pronto in mano l’altro terminale, quello che va a terra.

Base Nautica newsbanner dal 15 febbraio al 15 aprile 2021
JUST SLIK – newsbanner dal 16 dicembre 2019 al 15 dicembre 2020
SHD – newsbanner dal 19 febbraio al 18 luglio 2020
Yamaha – header banner dal 14 marzo al 14 marzo 2021
SALPA – newsbanner dal 9 gennaio 2019 al 15 gennaio 2021
CAR-MET – newsbanner
SUZUKI Newsbanner dal 27 maggio al 27 agosto 2020

Ciò premesso, i nodi di gran lunga più usati per assicurarsi a terra sono due: la gassa d’amante, che consente di fare un comodo «occhiellone» utilizzando un golfare o un anello di banchina – ma anche una catenaria, una grande bitta singola o doppia, un palo, eccetera – e il propriamente detto nodo da bitta, che è di gran lunga il più semplice da fare e anche da mollare, purché ci sia la bitta (o una galloccia dimensionata alla cima).

Cominciamo dal nodo di bitta, che è più facile a farsi che non a descriversi. Si tratta, infatti, di abbisciare il terminale della cima d’ormeggio tra i due corpi verticali della bitta incrociandoli al centro in tre o quattro passaggi e «rovesciando» l’ultimo passaggio in modo che il terminale libero della cima rimanga schiacciato sotto l’ultimo passaggio.

Per assicurarsi della tenuta del nodo, basta saggiarne la resistenza tirando la cima dalla parte che va alla barca. Sciogliere questo nodo è ancora più semplice che serrarlo: basta sfilare l’ultimo «occhiello» e poi procedere all’inverso.

La gassa d’amante richiede un minimo di pratica in più, ma una volta imparata si fa in pochi secondi e si scioglie altrettanto velocemente anche se la cima è stata violentemente strattonata, o è bagnata e indurita.

Questo particolare nodo è comodo perché consente di fare un occhiello con il quale assicurarsi a un palo, un anello di banchina, una maglia di catena, la testa di un gavitello e in cento altre situazioni.

Può essere utilizzato anche in sostituzione del nodo d’ancorotto per fissare l’ancora, o per legare il terminale della cima di bordo all’anello di traino a prua o a uno dei golfari delle sospendite a poppa: con la piena sicurezza che anche a fine stagione, e a cima indurita dal sale e dall’acqua, sarà facile scioglierlo in pochi secondi.

LOMAC – header banner dal 9 settembre 2019 al 9 settembre 2020
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR