Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024
Joker Boat header banner 2024
LOMAC – header banner standard
MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025

Grecia: rinviato di un mese il pagamento della tassa di stazionamento

0
Marlin Boat newsbanner dal 19 nov 2023 al 18 nov 2024
SOLEMAR – newsbanner dal 5 marzo 2024 al 5 gennaio 2025
JOKER BOAT – 2° SOGGETTO
SALPA – newsbanner dal 7 febbraio 2024 al 7 febbraio 2025
SCANNER newsbanner dal 7 dicembre 2022 al 6 luglio 2023
ZAR FORMENTI – newsbanner dal 31 maggio al 31 luglio 2024

E’ stato rimandato di un mese il termine massimo entro il quale i diportisti dovranno versare il previsto tributo Tepah (o Tepai).

Pochi giorni fa vi informammo che, all’approssimarsi della precedente scadenza, cioè il 10 aprile, non era ancora stata attivata la possibilità di regolare on-line la pendenza con l’amministrazione greca causa la mancanza del canale on-line. Questo rappresenta un ostacolo soprattutto per i turisti (la tassa è dovuta da tutti, diportisti greci compresi).

Dunque, alla vigilia della scadenza, il Governo ha rimandato ulteriormente il «time out», rinviandolo al 2 maggio. E non è detto che non vi saranno altre dilazioni.

Joker Boat header banner 2024
LOMAC – header banner standard
MV MARINE – newsbanner dal 27 ottobre 2023 al 27 ottobre 2024
NWC MARINE – newsbanner dal 31 ottobre 2023 al 30 ottobre 2024
MERCURY – Header banner dal 16 marzo 2023 al 16 marzo 2025
GARMIN – newsbanner dal 25 marzo 2024 al 25 gennaio 2025
SUZUKI Newsbanner dal 1 aprile 2024 al 30 settembre 2024
CANNES YACHTING FESTIVAL – dal 1 giugno al 15 settembre 2024

OCCUPAZIONE DELLE ACQUE
Come rilevato da molti diportisti questa faccenda sta assumendo contorni surreali: si parte, non si parte… Era già successa una cosa simile in Grecia nel 2014, ma il provvedimento fu poi completamente cancellato.

Ricordiamo che questa tassa è una sorta di balzello sulla «occupazione delle acque» greche, quindi è dovuta anche dalle unità (dai 7 m f.t. in su) che, di fatto, non «stazionano» per lunghi periodi bensì per brevi nei porti ellenici. L’unica cosa è che – a quanto se ne sa ora – sarà dovuta su base mensile!

Chi, invece, lascia il proprio natante, o yacht che sia, a svernare in Grecia, se non desidera pagare la tassa dovrà alarlo e lasciarlo in custodia in qualche rimessaggio o cantiere. Infatti, se le unità non si trovano letteralmente «in acque greche» non sono tenute al pagamento della Tepah.

Attenzione, però, perché comunque dovranno avere i documenti in regola con la Dekpa rilasciata dalla polizia portuale (o il Transit Log se arrivano da Paesi extra-UE).

CHE COSA SUCCEDERA’
Fonti vicine alle Autorità greche rivelano che, comunque, in fase iniziale i controlli della Polizia portuale non saranno così serrati.
Se anche entrasse in vigore la tassazione col 2 di maggio e il diportista venisse «pescato» a non aver ancora pagato la Tepah, potrebbe essere invitato a farlo al più presto, ma senza infliggere multe.

Essendo, però, un’indiscrezione e non una legge scritta, i diportisti interessati sono comprensibilmente preoccupati.

Infine, non è ancora del tutto chiaro se il balzello dovrà essere saldato esclusivamente presso la Guardia costiera o vi saranno altri uffici preposti all’accoglienza, per evitare code specie nei mesi estivi.

Per ulteriori informazioni e per le tariffe della Tepah vi invitiamo a rileggere la notizia precedente cliccando qui.

CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
Contenuto protetto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR