Highfield (dreamyachting) – header da 8 novembre 2017 a 8 novembre 2018
Yamaha – header banner dal 3 agosto al 14 marzo 2019
Brin Mar – header banner dal 1 maggio al 31 agosto 2018
Brp headerbanner 2018 dal 1 marzo al 31 dicembre 2018
Pennel&Flipò header dal 14 marzo al 14 settembre 2018
Bwa headerbanner 2018
Joker Boat header 2018
Garmin headerbanner 2018 dal 25 gennaio al 31 ottobre 2018

Furti fuoribordo: poco o nulla si è fatto!

0
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2017 al 18 nov 2018
Brunswick Marine newsbanner 2018

Al dilagante problema dei furti dei motori fuoribordo abbiamo dedicato in passato diversi articoli-inchiesta sulla Rivista Il Gommone (se volete leggere l’articolo completo pubblicato sul fascicolo di gennaio/febbraio 2011 – n. 295 potete richiedere il PDF cliccando qui).

A dire il vero siamo stati i primi, nel gennaio del 2011, a sollevare la questione, mettendo «nero su bianco» un fenomeno che non si poteva più definire solo «occasionale».

Da allora centinaia di rivenditori e rimessaggi sono stati «visitati» dai ladri e solo in pochissime occasioni le Forze dell’Ordine sono riuscite e recuperare la refurtiva.

Base Nautica newsbanner dal 1 gennaio al 31 ottobre 2018
SUZUKI Newsbanner dal 27 luglio al 27 agosto 2018

I fuoribordo nella maggior parte dei casi prendono la strada dell’Europa Orientale e, più recentemente, anche del nord Africa (Tunisia e Libia su tutti). Lo dimostra il crollo delle vendite (legali) di motori marini in Paesi come Romania, Ungheria, Bulgaria, Malta, Serbia, Montenegro.

E visti i flussi sempre più consistenti verso questi Paesi (alcuni perfino membri dell’Unione Europea) bisogna ammettere che ormai siamo di fronte a bande ben organizzate e «competenti», al punto da essere in grado di effettuare il «distacco» del motore da uno specchio di poppa con una perizia che solo i meccanici più navigati hanno.

Dove andremo, quindi, a finire se non si metterà un freno a questa «mattanza»? Per cominciare ci vorrebbero dei controlli più rigorosi alle frontiere, perché cinque/dieci motori da 200 cavalli non si possono certo nascondere sotto al tappetino del bagagliaio!

E poi, forse, dovrebbero fare uno sforzo in più anche i costruttori dei motori. La targhetta applicata sul cavalletto (in cui è indicato anche il numero di matricola) si asporta con un giravite e si può facilmente sostituire.

Per i documenti, ammesso che negli Stati in cui vanno a finire vengano richiesti durante un controllo di polizia, la cosa è ancora più semplice.

Noi avevamo proposto di fustellare sulla calandra o sul piede il numero di matricola per rendere più onerosa la sostituzione e più facilmente leggibile dalle Forze dell’Ordine. Ma, fino ad oggi, i costruttori hanno fatto «orecchio da mercanti».

Garmin headerbanner 2018 dal 25 gennaio al 31 ottobre 2018
SHD – newsbanner dal 23 settembre 2017 al 23 settembre 2018
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone
error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR