Bwa headerbanner 2018
Highfield (dreamyachting) – header da 8 novembre 2017 a 8 novembre 2018
Joker Boat header 2017
Padova Fiere Mondomare – header dal 7 novembre al 11 febbraio 2018

Furti fuoribordo: poco o nulla si è fatto!

0
Navico newsbanner dal 12 luglio al 31 dicembre 2017
CM Boat newsbanner dal 26 luglio al 31 dicembre 2017
Brunswick Marine newsbanner 2017
SHD – newsbanner dal 23 settembre 2017 al 23 settembre 2018
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2016 al 18 nov 2017
Zodiac newsbanner dal 1 giugno al 30 novembre 2017

Al dilagante problema dei furti dei motori fuoribordo abbiamo dedicato in passato diversi articoli-inchiesta sulla Rivista Il Gommone (se volete leggere l’articolo completo pubblicato sul fascicolo di gennaio/febbraio 2011 – n. 295 potete richiedere il PDF cliccando qui).

A dire il vero siamo stati i primi, nel gennaio del 2011, a sollevare la questione, mettendo «nero su bianco» un fenomeno che non si poteva più definire solo «occasionale».

Da allora centinaia di rivenditori e rimessaggi sono stati «visitati» dai ladri e solo in pochissime occasioni le Forze dell’Ordine sono riuscite e recuperare la refurtiva.

I fuoribordo nella maggior parte dei casi prendono la strada dell’Europa Orientale e, più recentemente, anche del nord Africa (Tunisia e Libia su tutti). Lo dimostra il crollo delle vendite (legali) di motori marini in Paesi come Romania, Ungheria, Bulgaria, Malta, Serbia, Montenegro.

E visti i flussi sempre più consistenti verso questi Paesi (alcuni perfino membri dell’Unione Europea) bisogna ammettere che ormai siamo di fronte a bande ben organizzate e «competenti», al punto da essere in grado di effettuare il «distacco» del motore da uno specchio di poppa con una perizia che solo i meccanici più navigati hanno.

Dove andremo, quindi, a finire se non si metterà un freno a questa «mattanza»? Per cominciare ci vorrebbero dei controlli più rigorosi alle frontiere, perché cinque/dieci motori da 200 cavalli non si possono certo nascondere sotto al tappetino del bagagliaio!

E poi, forse, dovrebbero fare uno sforzo in più anche i costruttori dei motori. La targhetta applicata sul cavalletto (in cui è indicato anche il numero di matricola) si asporta con un giravite e si può facilmente sostituire.

Per i documenti, ammesso che negli Stati in cui vanno a finire vengano richiesti durante un controllo di polizia, la cosa è ancora più semplice.

Noi avevamo proposto di fustellare sulla calandra o sul piede il numero di matricola per rendere più onerosa la sostituzione e più facilmente leggibile dalle Forze dell’Ordine. Ma, fino ad oggi, i costruttori hanno fatto «orecchio da mercanti».

Base Nautica newsbanner dal 1 agosto al 31 dicembre 2017
Blink newsbanner dal 17 marzo 2017 al 17 gennaio 2018
Scanner newsbanner
Raymarine newsbanner dal 24 luglio al 30 novembre 2017
Yamaha newsbanner soggetto 40CV dal 1 giugno al 1 febbraio 2018
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

Lascia un commento

risolvi l'enigma... Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone