Bwa headerbanner 2018
Brp headerbanner 2018 dal 1 marzo al 31 dicembre 2018
Brin Mar – header banner dal 1 maggio al 31 agosto 2018
Highfield (dreamyachting) – header da 8 novembre 2017 a 8 novembre 2018
Pennel&Flipò header dal 14 marzo al 14 settembre 2018
Garmin headerbanner 2018 dal 25 gennaio al 31 ottobre 2018
Joker Boat header 2018
Yamaha header banner 2018 dal 14 marzo 2018 al 14 marzo 2019

Fuoribordo cinesi: solo «cloni» o c’è di più?

0
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2016 al 18 nov 2017
Brunswick Marine newsbanner 2018

La consolidata abitudine dei costruttori cinesi di copiare più o meno sfacciatamente un prodotto è ormai arcinota. Dalle auto, all’abbigliamento fino al cibo!

Nella nautica ormai da alcuni anni i cinesi si stanno cimentando nel campo dei fuoribordo con unità, in genere con potenze non superiori ai 100 hp, molto simili (se non addirittura uguali) a modelli giapponesi di successo.

All’ultima edizione del Mets di Amsterdam, la più importante fiera del mondo per l’accessoristica e la componentistica, abbiamo avuto un ulteriore conferma di ciò che sono in grado di fare.

Base Nautica newsbanner dal 1 gennaio al 31 ottobre 2018

Se le caratteristiche tecniche sono pressoché analoghe (c’è un costruttore che si è addirittura spinto a dire sul depliant che i componenti, quindi i ricambi, dei suoi fuoribordo sono compatibili al 95% con l’originale), diversa appare ancora la qualità della componentistica, mentre praticamente inesistente è la cultura del servizio post-vendita, in particolare la disponibilità di ricambi in tempi ragionevoli e la rete di assistenza.

Nella galleria fotografica a corredo di questa notizia trovate alcuni esempi. Scorrendo il catalogo delle varie aziende si nota, per esempio, che le misure di cilindrata, alesaggio e corsa sono perfettamente coincidenti con quelle di monoblocchi Yamaha, Honda o Mercury.

I prezzi non sono proprio «da cinesi»; sono ovviamente più bassi dei modelli a cui si «ispirano», ma non così tanto da invogliare qualche diportista – secondo noi – ad acquistarlo. Però i gusti sono gusti e ognuno, alla fine fa un po’ quello che vuole!

In effetti il punto dolente della politica commerciale dei fuoribordisti cinesi risiede proprio nella scarsa sensibilità verso il post-vendita, nella bassa attrattività del marchio (gli unici conosciuti in Italia sono Parsun, un tempo distribuito da Italmarine e ora da Sedilmare, e Hidea) e nell’affidabilità di alcuni componenti tutta da verificare.

Forse è per questo motivo che alla grandi fiere europee rivolte al grande pubblico (citiamo, per esempio, il «Nautic» di Parigi e il recente «Boot» di Düsseldorf) i fuoribordo cinesi sono quasi completamente scomparsi. Non era così qualche anno fa quando iniziarono a «frequentare» con una certa assiduità le fiere europee alla ricerca di concessionari.

Evidentemente non basta avere un prezzo allettante per farsi strada nel mercato nautico europeo. Le immagini che pubblichiamo a corredo di questa news risalgono al novembre scorso e sono scattate proprio in occasione del Mets di Amsterdam, un salone rivolto esclusivamente agli operatori professionali.

Se volete leggere il resoconto completo della manifestazione e tutti i dettagli tecnici di questi fuoribordo potete richiedere il PDF dell’articolo pubblicato sul fascicolo di gennaio/febbraio 2018 – n. 365.

SHD – newsbanner dal 23 settembre 2017 al 23 settembre 2018
Garmin headerbanner 2018 dal 25 gennaio al 31 ottobre 2018
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR