Bwa headerbanner 2019
Yamaha – header banner dal 1 settembre al 14 marzo 2019
Joker Boat header banner 2019
Garmin headerbanner 2019 dal 16 gennaio al 31 ottobre 2019

Dieci cose da fare o non fare questa estate in gommone

0
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2017 al 18 nov 2019

Forza, siamo pronti. L’estate è partita, il gommone è preparato, e ci auguriamo che sia in acqua. O almeno, che abbiate la certezza di dove lo metterete in acqua, che di questi tempi rappresenterebbe già un bel successo. Abbiamo preparato per voi un sintetico decalogo con le cose da non fare e quelle da fare.

Più che puntare sulle dieci cose da non fare mai in gommone ci sembra importante sottolineare invece le dieci che bisogna «sempre» fare. Che riguardano il rispetto degli altri, ma anche la propria e l’altrui sicurezza.

Diceva saggiamente Pulcinella che «per mare non ci stanno taverne», cioè luoghi dove rifugiarsi in caso di pericolo. Tantomeno ce ne stanno in gommone e per i gommoni. Che pure possono essere uno dei modi più belli, più dolci e più appaganti di godersi il mare e i laghi d’estate.

Honda Marine – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2019

Buona navigazione e buone vacanze.

DIECI COSE DA NON FARE

1) Non prendere alla leggera le leggi e le normative specifiche. La scusante del «non lo sapevo» è solo un’aggravante. Rinfrescati le nozioni.

2) Non sovraccaricare il gommone. Il certificato indica un numero di passeggeri che è realistico dividere almeno per due, meglio tre.

3) Non fidarti ciecamente degli strumenti che indicano il livello del carburante e non uscire mai con poca benzina. C’è spesso l’imprevisto.

4) Non ti fidare della pressione dei tubolari misurata a terra prima del varo: in acqua cala, è sempre meglio ripristinarla prima di salpare.

5) Non lasciare mai che i passeggeri si piazzino a caso: bambini sotto controllo diretto degli adulti, i più a rischio sempre seduti a poppa.

6) Non guidare come se tu fossi in Formula 1: non fa bene al motore, consumi, rischi, fai rischiare.

7) Non farti forte di prepotenza di eventuali diritti di precedenza: il buon marinaio capisce le difficoltà altrui ed è pronto a cedere il passo.

8) Dal distributore di carburante – uno dei momenti di stress d’estate – rispetta la fila, non perder tempo quando tocca a te.

9) Non rifiutare mai una richiesta di aiuto o assistenza, specie da gente spaventata e in evidente difficoltà. In mare è il primo comandamento.

10) Non forzare la mano a dare aiuto non richiesto: specialmente se vuoi aiutare quel gommonauta mingherlino con la splendida bionda in bikini…

DIECI COSE DA FARE

1) Prima di ogni uscita, anche breve, fai la check-list delle dotazioni, dei documenti, del carburante (il pieno), della pressione dei tubolari e degli strumenti. Inoltre, stacco di sicurezza sempre allacciato!

2) Tieniti aggiornato sul meteo, non solo a largo raggio. Il gommone é veloce, ma le perturbazioni locali lo sono ancora di più e picchiano duro.

3) Quando fai un’uscita giornaliera o più, stabilisci un itinerario e un contatto con qualcuno che resta a terra, con tanto di appuntamenti: serve per la sicurezza e non creare falsi allarmi.

4) In un distributore che non conosci, usa un filtro per la benzina e se possibile il bancomat o una carta di credito o fatti rilasciare una ricevuta: serve in caso di guai.

5) In piccole realtà portuali (isole, darsenette da pesca, ridossi privati) sii gentile, chiedi per favore e magari offri una bottiglia: spenderai meno che in ormeggi tagliati.

6) Se esci con ospiti, aumenta le precauzioni portandoti dietro qualche bottiglia d’acqua. Meglio paura che imprevidenza.

7) Utilizza con estrema moderazione il Vhf, che come sai non é autorizzato a conversazioni da barca a barca. Solo emergenze e bollettini.

8) Se sosti nottetempo in gommone, in porto o in una cala, rispetta il riposo degli altri. Sii silenzioso, discreto, pulito: e gentile con i vicini. Quando vai via non lasciare i tuoi rifiuti.

9) Se qualcuno ti chiede di aggregarsi con il proprio gommone per una traversata per lui impegnativa, nei limiti del possibile non fuggire via.

10) In mare vale la regola dei Moschettieri: tutti per uno, uno per tutti. E se hai soccorso qualcuno – un dovere finché possibile – fatti ringraziare e basta. I compensi li chiedono professionisti e pirati.

CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR