Copertina Il Gommone - Ottobre/Novembre 2017



ATTUALITA'
Bricole alla deriva, diporto nautico sempre più pericoloso in Laguna Veneta
Se le cozze a Venezia si chiamano «peoci», le sogliole «sfogi» e i murici «garusoi», bisogna chiamare i «pali» della laguna bricole o, meglio ancora, «bricoe». E ci sono pure le dame e le paline: tutte rivestono un’importante funzione per la navigazione, ma il degrado e l’incuria le sta letteralmente divorando. Eppure la soluzione è semplice. Secondo fonti autorevoli sarebbero 7.500 le bricole della laguna di Venezia e 1.000 quelle da ripiantare, tra prossime al crollo, ridotte a «punte» oppure ormai estirpate per sicurezza. Per ciascuna bricola messa in opera servono almeno 3.500 euro. E intanto la navigazione in laguna è diventata un vero e proprio percorso a ostacoli.
ABBONATI DIGITAL EDITION