Copertina Il Gommone - Luglio 2024



ATTUALITA’
Il Codice della Nautica sbarca la zattera costiera per navigare entro 12 miglia
Sono passati ben quindici anni da quando è stata introdotta la zattera «aperta» per la navigazione fra le sei e le dodici miglia dalla costa. E finalmente, dopo tre lustri, anche i governanti si sono accorti del grande «abbaglio» che i loro predecessori avevano preso. I decreti attuativi del Codice della nautica da diporto annullano l’obbligatorietà della sua adozione solamente per i battelli pneumatici! Ora si attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del provvidento. Nascita, vita e morte di una dotazione da sempre invisa (a ragione) ai gommonauti.
LE NOSTRE PROVE
Italboats Stingher 24 GT, la misura giusta per fare tutto senza svenarsi
Sette metri e mezzo fuori tutto, la misura considerata da molti come il migliore compromesso tra costi e dimensioni. Il Cantiere ha interpretato questa lunghezza con un prodotto moderno, pratico e ben costruito. Lo stile è seducente, quasi sportivo. La carena naviga bene anche sul mosso e non patisce qualche cavallo in più a poppa. I tubolari di grande diametro assicurano la migliore stabilità e un rollìo ridotto. A prua c’è un comodo prendisole, mentre a poppa è previsto un divano a tutto baglio, trasformabile - a richiesta - in dinette con alcuni elementi aggiuntivi. Pratico lo schienale ribaltabile che si affaccia sul pozzetto motore, ampio e sfruttabile. Completa la dotazione di serie, integrabile con alcuni accessori non indispensabili.
DIPORTO
Siete pronti a salpare? Facciamo l’ultima check-list per un’estate senza sorprese
La stagione è ormai nel pieno e molti trascorreranno proprio il mese di luglio in vacanza. Dopo aver elencato, sul precedente fascicolo della rivista, i controlli pre-partenza, facciamo ora assieme il check di tutto ciò che serve per navigare tranquilli. Non tralasciamo un po’ di «ripasso» delle regole di comportamento più elementari. Magari qualcuno non si ricorda proprio tutto... E buone ferie!
GUIDA ALL’ACQUISTO
Accessori furbi per rendere facile e veloce l’ormeggio. Con poca spesa!
Ecco qualche «chicca» per rendere le manovre di ormeggio più facili e veloci. Senza sporcarsi le mani per recuperare una trappa, per esempio, o per agganciare un gavitello senza sudare «sette camicie» o, ancora, un mezzo marinaio che diventa... un quinto del suo ingombro. Per voi, tanti dispositivi utili e curiosi che danno tanto e costano poco.
TECNICA
Elica di prua (e di poppa) oppure joystick con i fuoribordo? Ecco come si scelgono
Ormeggiare un battello, piccolo o grande che sia, è la croce di ogni gommonauta, soprattutto per chi non ha dimestichezza con timone e manetta. L’industria nautica ha cercato di venire in aiuto dei diportisti con tecnologie sempre più evolute (e costose) in grado di sollevare il pilota da qualsiasi incombenza. Ci sono le eliche di prua, quelle di poppa, il joystick per i fuoribordo, a volte combinati insieme. Ma come si sceglie la soluzione più idonea per il nostro gommone? Come funzionano? Ve lo spieghiamo noi, punto per punto.
SPECIALE
Il maxi-listino aggiornato con dati tecnici e prezzi di gommoni e motori fuoribordo
Il fascicolo di luglio propone, come di consueto, lo speciale dedicato al listino prezzi aggiornato dei battelli pneumatici e dei motori fuoribordo: oltre cinquanta pagine facili da consultare e ricche di informazioni. Una guida con tutto ciò che offre il mercato, completa di dati tecnici. E per concludere il nostro speciale memorandum per un acquisto senza sorprese e le dotazioni di sicurezza da tenere a bordo.
LE NOSTRE PROVE
Master 775 Sport, un vero crossover per accontentare diportisti e pescatori
L’ultima declinazione di questo modello può definirsi un crossover, visto che la coperta è mutuata in parte dalla versione da pesca e in parte da quella per il diporto. Un «ibrido» che offre molti vantaggi, a cominciare dalla funzionalità del layout e degli arredi. L’impronta più tecnica del battello regala una maggiore robustezza complessiva e la possibilità di muoversi a bordo con facilità. Ci sono due grandi prendisole, quello di poppa trasformabile in zona pranzo. Non cambia, invece, la carena, progettata per navigare anche con il mare «duro». Qualche dettaglio di finitura potrebbe essere più curato, ma tutto ciò che c’è è montato con attenzione. Il bimini protegge la consolle e gli strumenti e può essere sfruttato per installare i portacanne. Il gommone è equipaggiabile con uno o due fuoribordo. Nella dotazione di serie figurano tanti accessori di valore che lo rendono quasi pronto alla boa.
METE D’ESTATE
Sicilia: dieci itinerari top da visitare in gommone per una vacanza da sogno
Itinerari per indecisi o per chi, dopo aver fatto tanta strada, la Sicilia vuol vedersela tutta e gustarne il meglio. Per voi abbiamo pensato un giro turistico da fare agevolmente a bordo del gommone, con dieci tappe per scoprire che cosa può offrire l’isola fra cultura, storia, natura e bellezze marine. Da Nord Est all’estrema punta Ovest e poi verso Sud, per virare nuovamente verso Oriente e, ancora, il Nord. Dai laghi di Tindari a Cefalù, passando per San Vito Lo Capo, la fenicia Mozia e la bianca Eraclea Minoa. E, ancora: Marina di Ragusa, Marzamemi, Siracusa, Aci Trezza e Taormina. Potete visitare tutti questi luoghi o soltanto una parte di essi. Non ne rimarrete delusi.
LE NOSTRE PROVE
Solemar SX30, il grande ritorno del marchio, tra modernità e tradizione
Celebriamo il ritorno dello storico marchio con la prova di uno dei quattro modelli già in produzione. Il nuovo cantiere ha mantenuto l’iconica identità del prodotto, rivedendo materiali, impianti e finiture per elevarne la qualità. Immutate le forme dell’opera viva a «V» profonda, nonché la grandezza e la posizione dei tubolari che fanno di questo gommone un mezzo sicuro e confortevole anche sul mosso. La coperta è caratterizzata da un look rinnovato, ma da forme tradizionali. A prua c’è il prendisole e la chaise longue. Sotto il càssero il locale toilette. A poppa un living per sei persone convertibile in solarium. Le plancette ampliano l’area balneare. Con due fuoribordo da 250 hp il gommone si pilota senza alcuna difficoltà anche alla massima velocità (48 nodi), ovviamente se le condizioni sono favorevoli.
DIDATTICA
Navigare con mare di prua, al traverso e di poppa: quanto conta lo stile di guida
Per ogni situazione (e ciascun gommone) è bene mantenere uno stile di guida adeguato. Procedere in dislocamento lento con mare di prua può significare non avere la manovrabilità e la prontezza necessaria per evitare il primo frangente fuori taglia. Il mare al traverso è l’andatura meno difficoltosa e la raccomandazione è di distribuire il carico in modo tale che il gommone mantenga un assetto trasversalmente dritto, e la «V» di carena possa lavorare correttamente. Per quanto riguarda l’assetto ideale con mare di poppa, ci sono delle differenze significative rispetto a quanto prescritto con quello in prua. Ecco alcuni principi che vi suggeriamo di seguire nelle più comuni situazioni di navigazione.
ABBONATI DIGITAL EDITION ACQUISTA ARTICOLO IN PDF ACQUISTA FASCICOLO