Copertina Il Gommone - Luglio 2022



FUORIBORDO
Nuovi Suzuki 100, 115 e 140 hp: ora sono anche «meccanici» ma sempre tecnologici
La Casa giapponese lancia sul mercato italiano i fuoribordo da 100, 115 e 140 hp equipaggiati con le tradizionali manette meccaniche al posto delle più evolute elettroniche. I motori, invece, non presentano differenze rispetto ai modelli da cui derivano. Quindi ritroviamo il monoblocco a 4 cilindri in alluminio da 2.045 cc, la distribuzione bialbero plurivalvole, il sistema Lean Burn (per consumare meno alle andature di crociera) e l’albero di trasmissione disassato. Di serie, a partire dall’autunno, il filtro che trattiene le microplastiche presenti nell’acqua. Queste versioni costano qualche centinaio di euro in meno di quelle con i comandi «drive by wire» lanciati nel 2020.
LE NOSTRE PROVE
Lomac GranTurismo 12.5, grande, accogliente (anche in cabina) e molto veloce
La serie cresce conservando il family feeling e innovando lo stile. Questo modello è simile all’11.0, ma in più offre un esteso prendisole a poppa e una cala che potrebbe diventare ricovero estivo o sala macchine per due entrofuoribordo. Il look sportivo e raffinato è in sintonia con la sua natura: un mezzo veloce e al tempo stesso da sfruttare per la sua comodità. La cabina grande, dotata di un matrimoniale ampio, di un pratico bagno e di tanti spazi contenitivi, invita ai pernottamenti. Il pozzetto, con divani per sei persone, diventa solarium o area pranzo al semplice tocco di un pulsante. La plancia è organizzata per pilotare e manovrare confortevolmente. Durata e qualità sono garantite dal metodo di costruzione per infusione. Le performance sono di alto livello e il T-Top non compromette stabilità e dinamica.
PORTI & SCIVOLI
Sicilia, da Trapani a Riposto: alla scoperta della costa più «carrellabile»
Dopo aver esplorato le potenzialità dei Marina e dei punti di accoglienza della parte settentrionale, da Messina a San Vito lo Capo, abbiamo concluso il periplo dell’isola e siamo rimasti piacevolmente stupiti non soltanto per la ricettività nautica, ma anche e soprattutto per il numero di scivoli pubblici a disposizione di quei fortunati diportisti. E’ vero che si passa dal Marina superattrezzato al pontile che non offre nemmeno la possibilità di varare il gommone, però numericamente non c’è proprio da lamentarsi. Resta il fatto che la regione potrebbe avere il doppio dei posti barca e dei porticcioli, ma certa burocrazia frena lo sviluppo.
LE NOSTRE PROVE
Italiamarine Italia 38, la nuova ammiraglia che punta su stile e comodità
E’ la nuova ammiraglia del Cantiere partenopeo. Un gommone che misura oltre undici metri fuori tutto, ma che resta omologabile come natante. Dispone di due aree prendisole e una tuga dallo stile ricercato, protetta da un T-Top di grande effetto estetico. Non manca un mobile cucina attrezzato con tutto ciò che può servire per preparare i pasti a bordo. La postazione di guida potrebbe, però, essere più comoda. La cabina è accogliente e lo spazio (specie in altezza) non manca. Il battello è costruito con materiali di qualità e di comprovata robustezza. A poppa non c’è la dinette, ma un divano a tutto baglio e un prendisole. I terminali poppieri sono in vetroresina e il lungo bracket in vtr concede maggiore agio per muoversi nel pozzetto. A carico leggero, con due Mercury Verado da 350 cavalli, si raggiungono i 49 nodi.
TECNICA
I filtri anti-acqua per proteggere il motore: come funzionano, dove si mettono
Ormai tutti i fuoribordo ne sono dotati, ma per impedire che particelle di acqua o di sporco entrino nel blocco motore un «aiutino» non guasta. Il filtro decantatore si pone sulla linea di alimentazione, in luogo comodo da monitorare, e serve proprio a bloccare elementi nocivi trasportati dalla benzina. Vediamo come sono fatti, come funzionano e apprendiamo qualche consiglio per la corretta manutenzione.
PRIMA IMPRESSIONE
Ranieri Int. Cayman 23 Sport Touring, la «giusta» misura senza rinunce
Il sette metri del Cantiere calabrese è stato di recente aggiornato. Piccole modifiche finalizzate al miglioramento della funzionalità, dell’ergonomia e del comfort. Questa versione offre in più, rispetto al modello «Sport», la consolle maggiorata per accogliere uno spogliatoio o una toilette. Il peso contenuto lo rende facile da manovrare e da carrellare. Con un fuoribordo da 175 hp raggiunge i 42 nodi e consuma poco.
ITINERARI
Sardegna: Tavolara, Molara e Punta Coda Cavallo, alla scoperta dell’Area Marina
Navighiamo alla scoperta dell’Area Marina Protetta di Tavolara-Punta Coda Cavallo e del suo regno marino per organizzare delle belle escursioni in gommone all’insegna di panorami incomparabili e del buon cibo. 15mila ettari di mare e circa 40 chilometri di territorio costiero, considerati fra i più belli della Sardegna e non solo. Da Capo Ceraso fino a Cala Finocchio, nel Comune di San Teodoro, senza trascurare le isole di Tavolara, Molara, Molarotto e altre minori. Una gommonata da privilegiati in una zona sottoposta a tutela, ma fruibile, facendosi carico della responsabilità che questi luoghi richiedono, più di altri.
DIDATTICA
Acque nere, grigie o bianche: che differenza c’è? Com’è fatto un impianto a norma
Secondo la regolamentazione, le imbarcazioni dotate di un wc di bordo o della predisposizione per un successivo impianto, devono avere anche una vasca per la raccolta dei liquami. Non occorre avere un cabinato per beneficiare della toilette: anche in molti open, oggi, viene ricavato il vano «spogliatoio» all’interno della consolle. Ecco le soluzioni possibili, dalle più elementari alle più complete e, ancora, come fare la giusta manutenzione e le questioni legate al corretto svuotamento del maleodorante serbatoio.
DIPORTO
Campeggio nautico ieri, oggi e domani: com’è cambiato e perché resta sempre un must
C’era una volta, e c’è ancora, il campeggio nautico. In mezzo è successo di tutto. Prima si portava tutta l’attrezzatura sul tetto di un’auto, ora ci vuole pure il rimorchio. Dalla canadese si è passati alla tenda notte. Il camping gaz è stato spodestato da fornelli a induzione. La ghiacciaia portatile è in via d’estinzione a causa dei frigoriferi a compressore premontati. Il walkman da cui si ascoltava la musica è un reperto di archeologia industriale, rimpiazzato da impianti wi-fi... Ripercorriamo brevemente la storia e l’evoluzione di una formula di vacanza mai passata di moda.
ACCESSORI
La moda dell’estate si chiama SUP: siete pronti a pagaiare? L’alternativa al pram
E’ il «must have» del divertimento sull’acqua. Lo Stand Up Paddle non è soltanto un gioco di equilibrismo, ma può essere ascritto tranquillamente nei programmi di fitness estivi. Niente di meglio per rimettersi in forma: tutti i muscoli del corpo vengono in qualche modo coinvolti, ma prima di tutto gli addominali. Grazie ai modelli gonfiabili non è un problema portare il SUP in gommone, per utilizzarlo al momento opportuno, da soli in compagnia. Da non trascurare, infine, la possibilità di sfruttarlo come «tenderino» per sbarcare in caso di ormeggio o ancoraggio in rada.
ABBONATI DIGITAL EDITION ACQUISTA ARTICOLO IN PDF ACQUISTA FASCICOLO