Copertina Il Gommone - Luglio 2020



ATTUALITA'
Addio al mitico Evinrude, il marchio americano non costruirà più fuoribordo
BRP - proprietaria dello storico marchio Evinrude - ha deciso fermare definitivamente la produzione dei fuoribordo. Il crollo della domanda, lo scarso appeal dei 2T a iniezione diretta e gli strascichi devastanti del Coronavirus sull’economia planetaria hanno indotto i vertici dell’azienda ad abbandonare il settore. Un colpo durissimo per l’industria nautica mondiale e per il mercato italiano, dove il brand ha primeggiato per diversi decenni.
MOTORI
In autunno i nuovi Tohatsu 2.0L 4 cilindri 4T: come sono fatti, che cosa promettono
Arriverà in Italia il prossimo autunno il nuovo 4 cilindri 4T Tohatsu, declinato nelle versioni da 75, 90, 100 e 115 cavalli. Come già il tre cilindri da 40/50 hp e il 60 cavalli, questa è un’unità inedita, sviluppata dall’azienda giapponese in totale autonomia e non sarà condivisa con altri marchi, come avviene per la gamma fino a 30 hp. Proposto nelle varianti con gambo lungo o extra-lungo e nelle colorazioni nero o White Beluga, promette valori di coppia tra le più elevate della categoria. Inoltre, la rumorosità - secondo la Casa - è la più contenuta tra i fuoribordo di analoga potenza: solo 50 dBA a 700 giri/min, contro i quasi 55 dBA del miglior competitor.
VACANZE & DIPORTO
Tutti in gommone, ma senza assembramenti, il nuovo leit motiv dell’estate
L’emergenza è un periodo di transizione tra il manifestarsi di una calamità e il ritorno alla normalità. Sottintende, quindi, un prima, un durante e un dopo. E proprio in questi tre momenti collocheremo la vita di noi gommonauti esaminando come ce la siamo passata e come che la passeremo. Nessuno sa cosa accadrà in futuro, ma una cosa è certa: il battello pneumatico è uno dei mezzi più sicuri per passare le ferie, meglio ancora se si dorme a bordo e in famiglia.
TECNICA
I consumi e la potenza: quanto contano i cavalli, la carena, l’assetto e il set-up
Quando acquistiamo un gommone ci chiediamo quale motore installare. C’è chi vuole avere a disposizione la massima potenza consentita, ma c’è anche chi preferisce scegliere il fuoribordo ricercando il miglior equilibrio tra prestazioni e consumi, per non limitare il raggio della crociera a causa della scarsa autonomia o del costo del carburante. Quanto contano la potenza, la carena, l’assetto e il set-up.
PRONTI A PARTIRE?
Gommone, motore, carrello, la check-list per viaggiare senza sorprese
Dopo tanti tentennamenti finalmente ci siamo: è arrivata l’ora di mollare l’àncora. Abbiamo molto tempo da recuperare: prepariamoci in modo razionale e puntuale, per non aver problemi. Ecco un breve vademecum per non dimenticare nulla. Le liste delle cose da controllare per i documenti, il gommone, il fuoribordo e il rimorchio. Che restiate lungo le coste italiane o ne preferiate altre del Mediterraneo, buone vacanze a tutti!
CHECK-UP USATO
Selva S80/S110 6/8 hp 2T: piccoli e robusti fuoribordo made in Italy
Verso la fine degli Anni ‘60 nacquero due fuoribordo, l’S80 da circa 4 hp e l’S110 da 6 hp, che completarono verso il basso la neonata gamma «made in Tirano», che già comprendeva un bicilindrico da 12 hp nominali (antenato dell’Izmir/Naxos) e l’S350 da 18 hp, forse il più noto e iconico dei fuoribordo Selva, dal cui nacquero successivamente l’Antibes e il Maiorca. La Casa valtellinese progettò i suoi piccoli monoblocchi in modo che la flangia di base fosse compatibile con quella del 12 hp, il che permise di porre congiuntamente sul mercato anche un 6 hp «ibrido» dotato del blocco S110 e del gambo con cambio completo del 12, denominato S120. Tutti e tre i monocilindrici rimasero a listino sino alla metà degli Anni ’80, quando vennero rimpiazzati da una nuova generazione di «mini» (Zadar e Capri) ispirati nelle caratteristiche ai coetanei prodotti giapponesi. L’eredità dell’S80 sopravvivrà però quasi intatta nel modello Corse, divenuto S85 con un piccolo ritocco dell’alesaggio, che restò a listino fino al definitivo ritiro della gamma 2 tempi a carburatori dal mercato europeo.
PROVE SPECIALI
Guida all’acquisto, sotto la lente dieci gommoni senza patente da 5 a 6 metri
L’emergenza sanitaria legata al pericolo di contagio da Coronavirus ha sconvolto le nostre abitudini e il nostro stile di vita. Anche le vacanze estive non possono più essere quelle di una volta. «Distanziamento sociale» e dispositivi di protezione individuale sono entrati nel nostro «modus vivendi». Una buona soluzione per allontanarsi dalle spiagge «contagiose» è il gommone, non necessariamente di grandi dimensioni, non troppo costoso e guidabile anche senza la patente nautica. Abbiamo selezionato per voi dieci modelli tra i tanti disponibili sul mercato. Un modo per trascorrere ferie più «sicure» in uno dei tanti angoli della nostra bella Penisola.
GOMMOCLICK
Il colore è bello, ma il bianco e nero può entusiasmare ancora di più
Il bianco e nero, dicono molti fotografi, è «essenziale»: l’assenza del colore obbliga a concentrare l’attenzione sul soggetto. Scattare direttamente in «assenza di colore» o post-produrre, per dare maggiore personalità? I progettisti di fotocamere digitali hanno provveduto a inserire questa possibilità direttamente nei software delle macchine. Ma l’opzione bianco/nero può essere sempre accessibile anche in un secondo tempo. Quando, magari per cause di forza maggiore, si sia costretti a rinunciare a un’uscita fotografica e ci si dedichi allora a un riordino del materiale che si ha in archivio. In questo caso può davvero essere molto interessante servirsi di un valido programma di fotoritocco, per rivisitare gli scatti già effettuati. Si potranno avere piacevoli sorprese.
SPECIALE
Il maxi-listino aggiornato con dati tecnici e prezzi di gommoni, motori e carrelli
Il fascicolo di luglio propone, come di consueto, lo speciale dedicato al listino prezzi dei battelli pneumatici, dei fuoribordo e dei rimorchi: oltre cinquanta pagine tutte a colori facili da consultare. Una guida con tutto quanto offre il mercato, completo di dati tecnici e quotazioni dell'usato. E per concludere gli annunci dei lettori e il nostro speciale memorandum per un acquisto senza sorprese.
VITA DI CLUB
Fare associazionismo (virtuale) ai tempi del coronavirus. La soluzione dal web
Come si può conciliare la voglia di «socialità» dei club gommonautici con i protocolli di sicurezza anti-contagio? Il lungo lockdown ha costretto un po’ tuti i sodalizi ad adottare nuove soluzioni per tenere i soci vicini. Fra queste ci sono state le teleconferenze via web, già utilizzate con successo nel mondo del lavoro (smart working) e nella scuola. Alcuni club si sono spinti oltre, creando delle vere e proprie «dirette live» con esperti, raider e cantieri. Ecco cosa è successo durante questa «insolita» primavera.
ABBONATI DIGITAL EDITION