Copertina Il Gommone - Luglio 2017



PRONTI A PARTIRE
Il «countdown» è iniziato: prepariamo il gommone per le nostre vacanze
L’estate è arrivata in anticipo e quest’anno si preannuncia una grande stagione gommonautica. Augurandovi le migliori vacanze di sempre, vogliamo aiutarvi a preparare i bagagli e i documenti necessari per la navigazione in mare e «su strada», così sarete sicuri di non dimenticare proprio nulla a terra.
LE NOSTRE PROVE
Bwa 260 Super Pro, pensato per i diving center, perfetto pure per il diporto
Un battello per i diving center, ma non solo. Lo abbiamo provato sia con undici sub a bordo, con le relative attrezzature, sia a carico leggero, con solo tre persone, per simulare due diversi impieghi. Le prestazioni di velocità e soprattutto i consumi sono risultati interessanti in entrambe le condizioni, nonostante fosse stato scelto un set-up adatto soprattutto alla navigazione sul mosso. E’ attrezzabile a piacere, partendo da una coperta totalmente sgombra su cui si possono montare tre diverse consolle e ben sette tipi di sedute. Molti altri accessori dedicati ai subacquei lo rendono un gommone ideale per l’uso professionale, ma alcuni elementi, come la scala laterale ribaltabile sono più scenici che funzionali. I tubolari sono rinforzati per ridurre l’usura e il rischio di lacerazioni. Il prezzo è accattivante, ma aggiungendo gli accessori sale parecchio.
LE NOSTRE PROVE
Lomac 660 IN, un classico per la famiglia con la passione per la velocità
Un gommone per la famiglia che beneficia dello know-how maturato dal Cantiere con le serie più grandi e costose. Mantiene un forte e importante legame con la tradizione, sia nel layout di coperta sia nello stile. Un design classico, quindi, ma tanta attenzione alle comodità. Ha due aree prendisole, un living con tavolo di teak e un vano da adibire a toilette, una rarità in questa categoria. Ha un assetto sportivo, con prora alta a bassa velocità e assetto ideale a 30 nodi. Con un 150 hp è velocissimo e ha un’accelerazione mozzafiato, ma con carico leggero occorre domarlo. Ha tubolari allestiti per la massima praticità d’uso e correttamente posizionati per dare stabilità senza frenare la corsa. Non sono soddisfacenti solo pochi dettagli, come il gancio di chiusura della panca poppiera e la mancanza di un attuatore sulla porta del càssero. Con alcuni accessori opzionali (che fanno però lievitare il prezzo) l’equipaggiamento diventa completo.
PRIMA VISIONE
Oromarine S65: grande gommone, piccolo motore per navigare anche senza patente
Un battello «grande» che si può equipaggiare anche con un robusto depotenziato per poterlo guidare senza patente. Dispone di due aree prendisole e di una consolle di bello stile. I tubolari di generoso diametro gli conferiscono una certa importanza, assicurando un’ottima stabilità e limitando il rollìo. Il gommone non costa poco, ma in compenso può contare su una dotazione di serie abbastanza completa.
ATTUALITA’
Razzi scaduti, sci nautico e giochi gonfiabili: la burocrazia ci mette lo zampino
Niente di nuovo sotto il sole estivo per l’annosa questione dei razzi nautici. La legge entrata in vigore l’anno scorso sembrava essere una buona cosa per gli utenti diportisti, visto che fissava i paletti della catena dello smaltimento. Invece nulla è cambiato in dodici mesi, anzi le cose sono addirittuara peggiorate. Dal fuoco all’acqua, esaminiamo anche il caso di una disposizione di una Capitaneria di Porto del Nord Italia che per la pratica dello sci nautico richiede che a bordo dell’imbarcazione trainante sia presente - oltre a una persona in possesso di patente nautica - qualcuno che esibisca abilità natatorie comprovate da un «brevetto di salvamento». Per sciare sull’acqua, dunque, o trainare i vostri amici sul «bananone» in alcune zone dovrete imbarcare un... bagnino!
CHECK-UP USATO
Yamaha 25 SuperTop (50 PRO, 60F, 70B), un 2T depotenziato con tante qualità
Tra il 1981 e il 1986 la Casa giapponese presentò una gamma completa di fuoribordo tra i 30 e i 90 hp tutta nuova. Nacquero così quattro famiglie di fuoribordo, declinate nelle cubature di 496, 698, 849 e 1.140 cc, totalmente differenti nei componenti, ma simili nell’estetica. Il tre cilindri 2T da 849 cc, oggetto della nostra analisi, venne declinato nelle potenze di 50, 60, 70 cavalli. Da noi, però, conobbe un breve attimo di gloria nel 1994, quando fu commercializzato come depotenziato con la sigla «25 SuperTop». Nonostante abbia ormai qualche anno alle spalle resta un’unità molto valida con ottime prestazioni e grande affidabilità.
IL CASO
La nuova conca di navigazione di Isola Serafini, sul Po, una telenovela senza fine
Cambiano le amministrazioni, i soldi non ci sono, le priorità sono altre... La storia (ma potremmo dire lo... storione, visto l’ambiente!) è sempre la stessa e il risultato pure: niente nuova chiusa per Isola Serafini. La struttura dell’Enel degli Anni ’60 ha causato lo stop alla navigazione sul fiume. Da circa vent’anni esiste un progetto per rendere agibile la via d’acqua, ma burocrazia e inefficienze sono (ahinoi) i veri sbarramenti. Al dicembre 2015 le opere per la realizzazione di una nuova conca risultavano realizzate solo al 60%: ci fu un impedimento che fece slittare la conclusione dei lavori al settembre 2016 e poi nuovamente a quello del 2017. Ma da un nostro sopralluogo, effettuato qualche settimana fa, è difficile credere che la nuova scadenza sarà rispettata.
DIDATTICA
Carene: una pulizia costante serve sempre, ma a volte ci vuole l’antivegetativa
Se il gommone viene alato spesso, dopo le uscite del fine settimana, per pulire la carena è sufficiente una buona lavata con acqua dolce, magari aiutandosi con un guanto di tessuto da autolavaggio per unire l’azione della canna dell’acqua con quella di una vigorosa strofinata. Tuttavia, più grande e pesante è il gommone, più è destinato a rimanere in acqua a lungo. Considerando che basta una settimana di fermo all’ormeggio in acque temperate per trasformare l’opera viva in una grattugia è facile capire l’importanza che ha una buona protezione dal «lippo» (o fouling). Anche i tubolari vengono attaccati dalla vegetazione marina e per rimuoverla certe volte si rischia di fare danni piuttosto pesanti. Ecco alcuni semplici consigli per evitarli.
GOMMOREPORTER
Dalla Toscana fino all’isola di San Pietro: una sfida chiamata Sardegna
Partendo da La Spezia, una coppia di gommonauti lombardi ha coronato il sogno di circumnavigare la grande isola italiana. Con un battello di 5,90 metri, motorizzato con un 115 cavalli, in venticinque giorni e quattordici tappe, sono state coperte 1.113 miglia. Per la metà delle notti i protagonisti hanno scelto di dormire in gommone, nella loro piccola canadese installata sul prendisole di prua. Non sono mancati i momenti «adrenalinici», causati dalle bizze del meteo. Un itinerario costruito giorno per giorno, con l’obiettivo dinale di circumnavigare la Sardegna, ma senza crederci troppo... Prima parte del diario di bordo che si ferma, appunto, all’isola di San Pietro.
DIPORTO
Campeggio nautico: istruzioni per l’uso e qualche dritta per una vacanza perfetta
Trascorrere le vacanze scorrazzando fra isolette e tratti costieri poco frequentati, godendosi la pace di baie lontane dalla calca, è l’aspirazione di ogni gommonauta. La vita «en plein air», però, non può essere affrontata senza un’adeguata preparazione del battello (a cominciare dalla tenda) e dell’equipaggio. Le regole sono poche e semplici, ma la prima è la più disattesa: portate con voi solo l’indispensabile. E ancora: l’importanza di scegliere la «location» giusta, consumare i pasti a bordo e quali sono gli accessori «furbi» che possono fare la differenza.
WEEK-END
Montecristo: paradiso proibito per molti, ma non impossibile. Basta informarsi
L’isola dell’Arcipelago Toscano è sottoposta a rigida tutela ambientale. Soltanto mille persone all’anno ottengono il permesso di sbarcare nell’unico approdo di Cala Maestra. I fortunati protagonisti di questo reportage (sette adulti e due bambini) hanno raggiunto Montecristo a bordo di un gommone da 7,70 metri per una giornata all’insegna della natura, che resta incomparabile, seppure limitata dai divieti. Oltre a condividere il racconto di ciò che i gommonauti hanno visto, vi diciamo anche come fare a visitare questo esclusivo «giardino dell’Eden».
GOMMOCLICK
La giusta intuizione e una raffica di fotografie per cogliere l’attimo fuggente
La brevissima durata di un click riesce con efficacia a fermare un’azione veloce e normalmente permette di esaminare, molto bene e in un secondo tempo, i dettagli di ciò che è accaduto davanti al fotografo. Ma la lentezza dell’autofocus può ritardare il tempo di scatto e, quindi, vanificare la velocità di ripresa. La prontezza e l’intuizione del fotografo possono essere aiutate da strumenti «miracolosi»: oggi esistono fotocamere che al solo sfiorare il pulsante di scatto «sparano» una raffica di immagini che l’utente potrà poi selezionare in un secondo momento, per non perdere neanche un attimo della scena inquadrata o capaci di fermare il tempo a 1/32.000 di secondo! In più, alcuni autofocus sono in grado di tracciare il soggetto in modo da «sapere» il punto in cui si troverà nell’attimo in cui si aprirà l’otturatore e, dunque, fornire risultati impeccabili. Il mondo della fotografia digitale è sempre più proiettato sul futuro.
SPECIALE MERCATO
Il maxi-listino con dati tecnici e prezzi di gommoni, fuoribordo e carrelli
Il fascicolo di luglio propone, come di consueto, lo speciale dedicato al listino prezzi dei battelli pneumatici, dei motori fuoribordo e dei carrelli con tutte le ultimissime novità della stagione 2017: oltre cinquanta pagine tutte a colori facili da consultare. Una guida con tutto ciò che offre il mercato, completo di dati tecnici e quotazioni dell'usato. E per concludere gli annunci dei lettori e il nostro speciale memorandum per un acquisto senza sorprese.
ABBONATI DIGITAL EDITION