Copertina Il Gommone - Giugno 2021



LE NOSTRE PROVE
Master 630 Fishing, quando pesca e diporto possono andare d’accordo
Il Cantiere siciliano investe sempre più energie nel settore pesca. Con il debutto di questo modello salgono a quattro i battelli a catalogo. Conserva la riuscita carena della versione da diporto (Summer), mentre la coperta è stata in gran parte riprogettata per soddisfare sia le esigenze degli angler sia quelle della tintarella. A prua mantiene gavoni e prendisole per gli eventuali «ospiti». Nella special edition Bluestorm da noi provata ci sono alcuni elementi esclusivi come le cuscinerie e la nuance dei tubolari. Il T-Top è pratico e in consolle c’è spazio per molti strumenti. Alla velocità preferisce la stabilità alla fonda e in navigazione perché i tubolari restano sempre vicini all’acqua.
ACCESSORI
Il tendalino giusto per proteggersi dal sole senza scottarsi pelle e portafoglio
E’ un accessorio irrinunciabile per chi ama starsene tutta la giornata in mare. Anche il medico certamente lo prescriverebbe per mettere i diportisti al riparo da colpi di calore e scottature. Necessario per il benessere di bambini e animali da compagnia a bordo. Si possono acquistare già pronti, in kit, oppure ordinare a un tappezziere di fiducia, soprattutto se in gommone si dispone già di un roll-bar o un T-Top che si intende sfruttare. Cerchiamo di capire insieme qual è il parasole che può adattarsi meglio alle esigenze di ciascuno.
BRICO
Come rimettere a nuovo un gommone malmesso con 50 euro e un po’ di olio di gomiti
Per varie vicissitudini, il mezzo (un Nautica Led GS?680) è stato «dimenticato» per un periodo fra i sei e gli otto anni all’aperto, senza uno straccio di copertura, sotto l’attacco delle intemperie, dello smog, della pioggia sabbiosa e chi più ne ha... Il battello presentava molte tracce di muffa sulla parte gommata, muschio in coperta, tracce di ruggine, concrezioni in carena. C’era stato addirittura un viraggio nel colore originale. Insomma, un caso quasi disperato! Con meno di 50 euro, per l’acquisto del kit di prodotti necessari, un paio d’ore di lavoro e nemmeno tanto olio di gomito, si può trasformare una specie di «rottame» in un gommone più che dignitoso.
VHF Fisso o portatile?
Quale funziona meglio? Cosa acquistare? Tutto ciò che bisogna sapere
Navigare sottocosta affidandosi soltanto allo smartphone? Ognuno è libero di fare come crede, ma se esistono le radio marine ci sarà un perché... Innanzitutto, il telefonino non nasce per il mare, poi non ha funzioni specifiche e, difetto più «grave» di tutti, sovente la rete telefonica - nata per soddisfare esigenze terrestri - in gommone non prende. Assodato ciò, vediamo che cosa offre il mercato in una panoramica di prodotti, portatili e fissi, accessibili a tutti quanto a qualità/prezzo. Le ultime novità del mercato.
CHECK-UP USATO
Omab Carniti C3, un piccolo fuoribordo fornito in scatola di montaggio
Si tratta di un insolito caso (anzi, forse, l’unico!) di fuoribordo fornito in kit. Oggi, probabilmente, se non ci fossero di mezzo una mezza dozzina di norme europee ad impedirlo, una soluzione simile sarebbe un successo (Ikea docet) per l’originalità dell’idea e per il contenuto impegno economico. All’epoca (Anni ’70), invece, l’iniziativa non ebbe un grande seguito. Il Carniti si presentava come il «bonsai» di un fuoribordo di alta gamma, grazie alla carenatura completa, al comando del gas a manopola e al serbatoio separato. Anche la cilindrata generosa (69 cc) e la cura costruttiva ne facevano tutt’altro che un «giocattolo». Rimase a listino per tutti gli Anni ’70 soffrendo solo, al pari dei concorrenti, per la collocazione in un segmento di mercato ristretto, perché nel frattempo la domanda dei diportisti si era spostata sui modelli più prestanti.
PESCA
Un battello trasformista in poche, semplici mosse. I consigli di un angler gommonauta
Disporre di un gommone che nasce già con la destinazione d’uso per la pesca sportiva è, certo, un privilegio. Di solito, però, questo è un passo che fanno i diportisti che hanno maturato e affinato da tempo la propria passione. Con qualche astuzia e alcuni piccoli accorgimenti anche chi è alle prime armi può dotare il proprio mezzo da diporto delle funzionalità basilari che rendono la battuta più piacevole e comoda. Un pescatore professionista ci suggerisce le personalizzazioni meno invasive e più «furbe».
LE NOSTRE PROVE
Ranieri Int. Cayman 23.0 Sport m.y. 2021, rinnovato quel tanto che serve
E’ la versione più aggiornata di uno dei battelli di maggiore successo della gamma. Rispetto al modello precedente sono cambiati solo pochi particolari, tutti finalizzati a migliorare la funzionalità e il comfort di bordo. Comoda la nuova seduta di guida e di grande effetto le cuscinerie «luxury» opzionali. La consolle centrale consente di muoversi agevolmente e non difetta nell’ergonomia. Il cruscotto è più inclinato per favorire la leggibilità degli strumenti, è suddiviso in tre settori, ma lo spazio per il display del chartplotter è un po’ limitato. Plana a bassa velocità e percorre più di un miglio/litro in crociera. Il battello si controlla bene e risulta molto reattivo nelle manovre. Buona la dotazione di serie, eventualmente integrabile con tanti optional.
METEO
Navigare sulla cresta dell’onda: impariamo a decifrare il vento per non avere sorprese
Con il vento in poppa si risparmia pure carburante, quindi c’è proprio da augurarselo! Ma se viene da prua o al giardinetto è tutta un’altra storia. Dipende poi, a dire il vero, da quanto «spinge». Prima di salpare l’àncora è sempre buona cosa prendere atto della situazione meteorologica e, soprattutto, della sua evoluzione. Specie se ci si accinge a fare una lunga navigazione. Anche sotto costa, però, non bisogna sfidare la sorte affidandosi esclusivamente alla potenza del fuoribordo per cercare riparo all’ultimo minuto. Gli strumenti per rimanere costantemente informati ci sono e un po’ di «occhio» non guasta mai.
STORIA
La conquista del Polo Nord: le imprese di Umberto Nobile e del dirigibile Italia
Molti non lo sanno, ma i primi a piantare la bandiera nel punto più settentrionale del mondo - dopo gli americani che avevano messo i soldi - furono gli italiani. Il Generale Umberto Nobile, con la sua spedizione sul dirigibile «Italia» negli Anni ’20 scrisse un capitolo indimenticabile di storia dell’esplorazione. Tutto fu leggendario: dal progetto, all’organizzazione, al viaggio (cui partecipò anche un cane), fino al disastroso schianto, con la conseguente mobilitazione, davvero pazzesca per l’epoca. E fra coloro che ci lasciarono la vita, ci fu anche il mitico Roald Amundsen, scopritore del Polo Sud.
DIPORTO
Siete pronti a partire? Documenti, dotazioni di legge e non per un’estate al massimo
E’ ufficialmente iniziato il countdown per quella che si annuncia come l’estate del «riscatto». Scaldiamo i motori in attesa di poter dare tutta manetta, ma prima dedichiamoci a fare un check delle cose più importanti: dotazioni, documenti, equipaggiamenti, accessori, insomma di tutto quello che potrà servirci a rendere le nostre vacanze più libere e sicure possibili. E, in tema di sicurezza abbiamo una raccomandazione: non date mai gas senza aver prima allacciato lo stacco di sicurezza. E’ piccolo, non dà fastidio e aiuta a salvare la vita.
SPECIALE
Il maxi-listino aggiornato con dati tecnici e prezzi di gommoni e motori fuoribordo
Il fascicolo di giugno propone, come di consueto, lo speciale dedicato al listino prezzi aggiornato dei battelli pneumatici e dei fuoribordo: oltre cinquanta pagine tutte a colori facili da consultare. Una guida con tutto ciò che offre il mercato, completo di dati tecnici. E per concludere gli annunci dei lettori e il nostro speciale memorandum per un acquisto senza sorprese.
ABBONATI DIGITAL EDITION ACQUISTA ARTICOLO IN PDF ACQUISTA FASCICOLO