Copertina Il Gommone - Gennaio/Febbraio 2018



Eventi
Il «Nautic» di Parigi parla sempre più italiano: tutte le novità presentate in fiera
Si è tenuta a Parigi, dal 2 al 10 dicembre, la cinquantasettesima edizione del Salone nautico più importante di Francia. Una fiera meno internazionale di quanto vorrebbero gli organizzatori, ma certamente notevole per i cantieri italiani, soprattutto quelli di battelli pneumatici che nella «Ville Lumière» continuano a riscuotere un grande successo, nonostante il mercato transalpino sia un po’ meno brillante di qualche anno fa. Diverse novità nel comparto dei gommoni (non solo quelli nazionali), quasi nessuna, invece, fra i motori fuoribordo.
SALONI
Dal Mets di Amsterdam arriva tanta innovazione. Ecco cosa abbiamo selezionato per voi
Il salone dedicato all’accessoristica e alla componentistica nautica più internazionale e professionale del mondo - svoltosi ad Amsterdam a metà novembre - festeggia la sua trentesima edizione con un nuovo record di espositori (oltre 1.500) e una numerosa rappresentanza di aziende italiane. Tanta tecnologia e una varietà di prodotti che non ha eguali. Imbarcazioni sempre più «connesse» grazie ai nuovi strumenti multimediali. Qualche novità interessante anche nel comparto dei motori fuoribordo. Parecchi i costruttori cinesi, presenti con modelli più evoluti nello stile e nella meccanica.
LE NOSTRE PROVE
Zar 79 Sport Luxury, un classico che si rinnova nel segno della continuità
La serie più lussuosa della gamma Zar si amplia con un modello che coniuga spazio, design ed eleganza. L’abitabilità è esaltata dall’ampiezza della prua, dalla consolle di guida decentrata, dalla trasformabilità dell’area di poppa e dalle grandi plancette bagno. Per allestire il prendisole prodiero occorre aggiungere una prolunga, mentre il pozzetto poppiero si converte in tanti diversi modi semplicemente spostando gli elementi che lo compongono. Il battello ha stive ovunque e la cala di poppa è gigantesca. Si pilota piacevolmente perché ha un assetto ideale e la postazione di guida è ergonomica. Tocca velocità elevate e alle andature di crociera i consumi sono contenuti, soprattutto se si usa correttamente il trim. L’attenzione per la sicurezza si manifesta attraverso la stabilità dello scafo, l’assenza di spigoli in coperta e la presenza di maniglie e tientibene dislocati ovunque. Il comfort è di alto livello perché ogni zona della coperta è stata modellata per accogliere al meglio gli ospiti. La dotazione di serie va integrata con qualche optional.
LE NOSTRE PROVE
Levi Ribs PMP «8punto5», il gommone di "Sonny", tanta qualità a caro prezzo
E’ un lussuoso tender di quasi nove metri di lunghezza, ma può essere anche un gommone per diporto. C’è un solo problema: costa una fortuna e diversi accessori sono extra. Però è elegantissimo e ha un’ottima carena, originariamente disegnata da Renato “Sonny” Levi. La costruzione è curata in maniera maniacale a partire dalle strutture per arrivare sino ai più piccoli dettagli della coperta. Gli accessori sono pezzi unici realizzati appositamente per questo modello. I tubolari sono sfilabili, hanno un bel profilo, ma sono senza maniglie. Il battello è privo di parabrezza perché per entrare negli hangar dei mega-yacht bisogna ridurre l’altezza degli elementi di coperta. Con il Mercury Diesel «V6» 3.0L TDI da 260 cavalli percorre 1,2 miglia con un litro e tocca i 42 nodi. Il passaggio sulle onde e l’assetto sono punti di forza fondamentali su cui non teme confronti. E’ possibile motorizzarlo anche con fuoribordo fino a 500 cavalli.
PRIMA IMPRESSIONE
Renier R9 Efb, più comodo che sportivo, ma perfetto per le lunghe crociere
Un battello che rappresenta la sintesi ideale del «gommone»: comodo, funzionale, maneggevole e divertente. L’R9 Efb è stato sviluppato in collaborazione con lo studio Inzerillo & Albeggiani Yacht Design e possiede tutte le caratteristiche tipiche di un open puro. Ben rifinito e costruito con materiali di qualità, è un perfetto day-cruiser. A richiesta anche il locale toilette e la cucina completa. Peccato che manchi qualche corrimano nell’area di poppa, che avrebbe di certo contribuito a rendere più sicura la permanenza a bordo dei passeggeri. Motorizzato con un Mercruiser 6.2L a benzina da 350 hp abbinato a un piede poppiero Bravo 3 e a un’elica da 26", sfiora i 40 nodi di velocità massima.
MOTORI
Analisi tecnica completa dei nuovi Tohatsu MFS 9.9/15/20 Efi e del piccolo 5 hp a GPL
Tohatsu introduce anche in Italia due fuoribordo 4T ideali per spingere un gommone smontabile o un tender, dai contenuti tecnici e funzionali molto interessanti. Il bicilindrico a benzina da 9.9, 15 e 20 hp a iniezione elettronica si distingue per le prestazioni, la leggerezza e la praticità. Come tutte le unità più recenti, si avvia anche senza batteria. L’altra novità è un’esclusiva del mercato, poiché si tratta del primo fuoribordo al mondo alimentato esclusivamente a gas propano. Nel servizio pubblicato sul fascicolo di gennaio/febbraio vi sveliamo come sono fatti questi due interessanti novità.
DIDATTICA
Cime, cordami & C.: come sono fatti, come sceglierli. Togliamoci qualche dubbio!
Non si chiamano corde, ma cavi o cime. Non si raccolgono, ma si «colgono». Non si buttano, ma si «passano». Non si legano, ma con loro si «dà volta» alla bitta. E spesso hanno pure un’anima. Ma come sono fatti i cordami nautici, uno vale l’altro oppure ce ne sono di più adatti per i nostri gommoni? Ecco una rapida guida per chiarire eventuali dubbi e togliersi qualche curiosità.
CHECK-UP USATO
Mercury 115 2T (M.Y. 1979): una Tower of Power potente, sportiva e modulabile
Il Mercury sei cilindri in linea «Tower of Power» è di certo la quintessenza del motore maestoso e sportivo. Per vent’anni, dalla sua introduzione nel 1956 sino all'arrivo dei «V6» nel 1976, si è fregiato del titolo di propulsore più potente del mondo, con una decina di «hp» di vantaggio sul più prossimo dei concorrenti. Per ottenere questo risultato, ovviamente, è stato di continuo aggiornato e affinato, passando dagli iniziali 60 hp da 66 pollici cubi (1.100 cc) ai 150 hp da 99 pollici cubi (1.635 cc) del 1974. Il soprannome «Tower of Power», quindi, identifica una vasta famiglia di propulsori, all’interno della quale diventa difficile destreggiarsi tra le versioni da 66, 84, 94 e 99 pollici cubi di cilindrata, spesso uguali nella cavalleria dichiarata.
SPECIALE
Il maxi-listino aggiornato con dati tecnici e prezzi di gommoni, motori e rimorchi
Il fascicolo di gennaio/febbraio propone, come di consueto, lo speciale dedicato al listino prezzi dei battelli pneumatici, dei fuoribordo e dei rimorchi con tutte le novità della stagione 2018: oltre cinquanta pagine tutte a colori facili da consultare. Una guida con tutto ciò che offre il mercato, completo di dati tecnici e quotazioni dell'usato. E per concludere gli annunci dei lettori e il nostro speciale memorandum per un acquisto senza sorprese.
GOMMOCLICK
Come inquadrare tenendo dritta la linea dell’orizzonte o il soggetto centrale
Alcune macchine fotografiche digitali dispongono di una bolla incorporata, una livella elettronica, in grado di tracciare nel mirino una linea assolutamente orizzontale. E’ un riferimento di cui occorre disporre, inclinando la fotocamera, in modo che risulti perfettamente parallelo alle linee orizzontali della griglia presente nel mirino. Ma le cose cambiano quando si scatta mirando in modo angolato, per esempio con uno scorcio che inquadri l’ambiente più «di traverso». In tale caso infatti, ciò che vale non è più l’orizzontalità scientificamente accertata della posizione della macchina, quanto piuttosto l’astuzia di allineare la linea d’orizzonte con le linee orizzontali della griglia presente nel mirino. Come evitare le linee cadenti, cioè quell’effetto di “restringimento” delle case a terra verso l’alto, attraverso la correzione dell’inquadratura, la post-produzione o con appositi obiettivi.
ABBONATI DIGITAL EDITION