Brp headerbanner 2018 dal 1 marzo al 31 dicembre 2018
Yamaha – header banner dal 25 giugno al 30 giugno 2018
Highfield (dreamyachting) – header da 8 novembre 2017 a 8 novembre 2018
Joker Boat header 2018
Brin Mar – header banner dal 1 maggio al 31 agosto 2018
Bwa headerbanner 2018
Pennel&Flipò header dal 14 marzo al 14 settembre 2018
Garmin headerbanner 2018 dal 25 gennaio al 31 ottobre 2018

Cosa sono gli angoli di carena?

0
Brunswick Marine newsbanner 2018
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2017 al 18 nov 2018

La «V» di carena si misura in gradi angolari e risponde all’angolo che la tangente alla superficie di una delle due semicarene forma con una linea parallela al piano ideale di navigazione (che rappresenta in schema la superficie del mare). E’ facile dedurne alcuni elementi.

1°) Salvo che in pochi casi, l’angolo della «V» di carena cambia con il consueto appiattirsi delle sezioni di opera viva da prua verso poppa.

2°) Angoli della «V» di carena particolarmente spinti, specie da mezzanave a poppa, determinano un maggiore assorbimento di potenza a parità di prestazioni velocistiche, e possono anche creare instabilità laterale in velocità (il classico «sfarfallamento») perché si riduce l’effetto binario della parte terminale poppiera dei tubolari.

Base Nautica newsbanner dal 1 gennaio al 31 ottobre 2018
SUZUKI Newsbanner dal 28 giugno al 27 luglio 2018

Di contro, una carena con una «V» molto accentuata non solo a prua ma anche nelle sezioni mediane batterà meno sul mare formato, specie sul mare corto e secco di vento, che è la maledizione di tutti i gommoni in quanto a comfort.

Riassunti e semplificati così a spanne i principi elementari della progettazione delle carene dei gommoni – in particolare dei compositi con opera viva di vetroresina, unici a poter giocare con un range abbastanza ampio sugli angoli di carena – bisogna anche ricordare che non esistono regole assolute sulla base delle quali arrivare a una carena ideale.

Ogni progettista serio e competente ha «la» sua formula, o meglio «Le» sue formule, che possono manche integrarsi e fondersi a seconda dei risultati da raggiungere.

Il classico semirigido da mare rotto si presenta con una «V» di prua molto accentuato (con angolo anche superiore ai 30°) e con una «V» decrescente ma ancora importante per tutta l’opera viva fino alle uscite di poppa.

Ciò non basta però a garantire che sarà relativamente morbido sull’onda. Giocano, infatti, anche altri fattori: il rapporto tra lunghezza e larghezza (più è sfinato, meno batte) il diametro dei tubolari (più è ridotto e l’attacco è spostato in alto meno interferisce con le onde e meno il gommone «rimbalza»), il profilo e la lunghezza dei terminali poppieri, la potenza applicata e la massa del motore, il tipo di elica e il suo regresso, l’esistenza o meno di superfici idrodinamiche di correzione dell’assetto (flaps), eccetera.

Ci sono poi altri parametri non necessariamente fissi: i pesi a bordo e la loro distribuzione, la posizione dei pesi non mobili (serbatoi, batterie, eccetera) rispetto al baricentro, e più precisamente rispetto al centro di gravità ed al centro di carena, la rigidità dell’opera viva ed altro ancora.

SHD – newsbanner dal 23 settembre 2017 al 23 settembre 2018
Garmin headerbanner 2018 dal 25 gennaio al 31 ottobre 2018
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR