Garmin headerbanner dal 1 aprile al 31 ottobre 2017
Bwa headerbanner
Suzuki header dal 1 agosto al 31 ottobre 2017
Joker Boat header 2017
ZarMini – headerbanner dal 28 marzo al 30 settembre 2017

Black-out in alto al mare: come contrastare la deriva

0
Navico newsbanner dal 12 luglio al 31 dicembre 2017
CM Boat newsbanner dal 26 luglio al 31 dicembre 2017
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2016 al 18 nov 2017
Brunswick Marine newsbanner 2017
SHD – newsbanner dal 23 settembre 2017 al 23 settembre 2018
Zodiac newsbanner dal 1 giugno al 30 novembre 2017

Cominciamo con il dire che un gommone fermo in mezzo al mare non è affatto fermo. Sente ogni sussurro di vento, segue ogni filo di corrente: insomma, si sposta con una velocità che può sembrarvi incredibile.

Secondo le tabelle stilate dalla Guardia Costiera, con un vento che non supera i 10 nodi il nostro battello deriverà a una velocità media che potrà raggiungere i 3/4 nodi a seconda della superficie esposta: ricordando che anche le persone in piedi o sedute sui tubolari fanno «vela», come il tendalino, un grande parabrezza, il roll-bar, il T-Top, eccetera.

Il gommonauta sea-worthy (gli inglesi definiscono così chi è veramente preparato come marinaio) cercherà di ridurre lo scarroccio se quest’ultimo non avviene verso una costa raggiungibile e popolata, dove sarà più facile essere avvistati. In ogni caso, allontanarsi dalla rotta prefissata può creare difficoltà a chi fosse venuto a cercarvi.

Ricordatevi che derivare a 3 nodi significa allontanarsi dalla rotta di 30 miglia in una giornata: con il raggio delle ricerca che aumenta in progressione geometrica, nonostante la Guardia Costiera tenga conto anch’essa della direzione del vento e della probabile vostra deriva.

Scarrocciare il meno possibile, comunque, aiuta. Per ridurre la deriva, lo strumento ideale è l’ancora galleggiante, ma sono molti i gommonauti a non averla.

Si può ovviare filando in mare un paio di secchi sulla stessa cima (ma intervallati di qualche metro) avendo l’accortezza di rinforzare con qualche cimetta i manici (che nei secchi di plastica mollano subito) e forandone il fondo con un coltello in modo da praticarvi un buco largo circa 4 dita.

Anche una o più taniche di plastica, riempite d’acqua di mare e filate con una cima, fanno da ancora galleggiante. Non ne avete? Le bottiglie di plastica che avete svuotate dell’acqua da bere, riempite d’acqua di mare e chiuse in una sacca, o una retina, o in un paio di pantaloni da cerata e il tutto ben legato perché non si sciolga sotto trazione, possono diventare anch’esse un’ancora galleggiante di discreta efficacia.

Ovviamente ci sono le ancore di bordo: prima di filarle a mare, avvolgetele in stracci, vestiti superflui, cerate, cime e legatevi anche un paio di parabordi: che non le terranno a galla, ma aiuteranno a far resistenza sott’acqua. Insomma, meno si deriva (con le dovute eccezioni) più è facile essere ritrovati.

Yamaha newsbanner soggetto 40CV dal 1 giugno al 1 febbraio 2018
Scanner newsbanner
Blink newsbanner dal 17 marzo 2017 al 17 gennaio 2018
Base Nautica newsbanner dal 1 agosto al 31 dicembre 2017
Raymarine newsbanner dal 24 luglio al 30 novembre 2017
Tohatsu Newsbanner 2017
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

Lascia un commento

risolvi l'enigma... Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone