Yamaha – header banner dal 14 marzo al 14 luglio 2020
Mercury – header banner 2°
Bwa headerbanner 2020
Joker Boat header banner 2020
LOMAC – header banner dal 9 settembre 2019 al 9 settembre 2020

Al Miami Boat Show in mostra anche il Mercury Diesel

0
Highfield – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2020
Bwa headerbanner 2020
Marlin Boat newsbanner dal 17 nov 2019 al 18 nov 2020
Honda Marine – newsbanner dal 18 dicembre 2018 al 31 dicembre 2020
Mercury – header banner 2°
GARMIN – newsbanner dal 16 marzo al 15 dicembre 2020
Joker Boat header banner 2020
TOHATSU – newsbanner dal 2 marzo al 30 settembre 2020
RAYMARINE – header banner dal 10 luglio al 10 ottobre 2020
SUZUKI Newsbanner dal 27 maggio al 27 agosto 2020

All’ultima edizione del Miami Boat Show, tenutosi a metà febbraio, Mercury Marine ha mostrato anche il suo fuoribordo alimentato a gasolio con una nuova livrea.

Rispetto alla precedente «perde» la dicitura «Racing» con la quale era nato, benchè non sia un modello pensato per le competizioni agonistiche.

La Divisione Racing di Mercury, infatti, oltre ad occuparsi della preparazione dei motori da corsa, cura anche i prodotti «speciali», quelli che richiedono una preparazione specifica e un servizio di vendita e assistenza «ad hoc».

Base Nautica newsbanner dal 15 febbraio al 15 aprile 2021
JUST SLIK – newsbanner dal 16 dicembre 2019 al 15 dicembre 2020
SHD – newsbanner dal 19 febbraio al 18 luglio 2020
Yamaha – header banner dal 14 marzo al 14 luglio 2020
SALPA – newsbanner dal 9 gennaio 2019 al 15 gennaio 2021
CAR-MET – newsbanner
SUZUKI Newsbanner dal 27 maggio al 27 agosto 2020

Si tratta, tuttavia, di un’unità non inedita, in quanto è stato presentato per la prima volta nella primavera del 2015 in occasione del Southampton Boat Show.

E’ un classico due tempi con iniezione diretta secondo il sistema australiano Orbital, in pratica lo stesso impianto di alimentazione impiegato sui propulsori a benzina e che in Mercury chiamavano OptiMax (non più in produzione).

Tali sistema si basa sulla presenza di un gruppo di iniezione posto sulla testa del cilindro il cui compito consiste nel miscelare, prima dell’immissione nella camera di scoppio, la quantità di benzina necessaria per l’iniezione stessa con una piccola percentuale di aria, così da realizzare una sorta di miscela super-ricca, che viene poi iniettata, verso la candela.

L’aria lavorata dal compressore ha una pressione di circa 95 psi (15 in più degli OptiMax alimentati a benzina), raggiunta grazie a un compressore alternativo ausiliario posto in parallelo con il motore e a suo volta azionato mediante un cinghia.

Il monoblocco deriva da quello già impiegato per i propulsori da diporto a benzina (secondo la casa americana condivide addirittura il 95% dei componenti) ed è un «V6» (60°) di 3.046 cc in grado di sviluppare una potenza massima di 175 hp (131 kW) a 6.000 giri/min.

Nonostante si tratti di un diesel, il motore ha una candela d’accensione affiancata da una classica (per un propulsore a gasolio) candeletta a incandescenza per migliorare il funzionamento a freddo e al minimo.

Il fuoribordo è, inoltre, dotato di un alternatore da 60 ampere, mentre il gambale – con un rapporto al piede di 2,00:1 – è proposto solo in versione extra-lungo e controrotante. Da «vero» 2T è, infine, il peso: 235 kg, vale a dire solo 6 kg in più dell’OptiMax 225.

LOMAC – header banner dal 9 settembre 2019 al 9 settembre 2020
CONDIVIDI
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Gommone

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DE IL GOMMONE

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR